Mercoledì 06 Luglio 2016 - 07:45

Nuovo colpo contro furbetti del cartellino: 24 misure cautelari

Sono accusati di false attestazioni e truffa ai danni del Comune di Oppido Mamertina (Reggio Calabria)

Nuovo blitz contro 'furbetti del cartellino': 24 misure cautelari

Nuova operazione contro i cosiddetti 'furbetti del cartellino'. I carabinieri del comando provinciale di Reggio Calabria, su ordine della procura della Repubblica presso il Tribunale di Palmi, hanno proceduto  all'esecuzione di misure cautelari, emesse dal gip, nei confronti di 24 dipendenti comunali, 4 destinatari di ordini di custodia cautelare con l'applicazione della misura degli arresti domiciliari e gli altri 20 destinatari dell'obbligo della presentazione alla polizia giudiziaria, ritenuti responsabili dei reati di concorso in false attestazioni, con modalità fraudolenta, della presenza in servizio e truffa aggravata e continuata a danno dell'ente pubblico di appartenenza, nello specifico il Comune di Oppido Mamertina.

Le investigazioni hanno accertato la piena responsabilità di tutti gli indagati, i quali attestavano falsamente, con modalità fraudolenta, la presenza in servizio e, violando i doveri inerenti alla loro qualità di dipendenti del comune, eludevano del tutto la prestazione di lavoro, così conseguendo l'ingiusto profitto della relativa e non dovuta retribuzione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Pioggia in centro a Milano

Ancora pioggia, ma la temperatura sale: il meteo del 14 e del 15 dicembre

Le previsioni di questo giovedì e venerdì in Italia

Mamma uccide figli a Suzzara in provincia di Mantova

Catania, due anziane sorelle uccise in casa: fermato presunto omicida

I corpi trovati nella loro nella loro abitazione di Ramacca messa a soqquadro

Processo a carico di Marco Cappato, accusato di aiuto al suicidio per vicenda dj Fabo

Dj Fabo, Cappato: "Era mio dovere aiutarlo a morire"

L'esponente dei Radicali al processo che lo vede imputato per aiuto al suicidio e per aver accompagnato in auto in Svizzera il 40enne milanese