Domenica 14 Maggio 2017 - 08:30

Nuova provocazione Nord Corea: missile verso mar del Giappone

Dopo un'apparente apertura al dialogo di Pyongyang tensione di nuovo alle stelle

Nuova provocazione della Corea del Nord: lancia un missile verso il mar del Giappone

Dopo l'apparente apertura al dialogo della Corea del Nord verso gli Stati Uniti, la tensione torna alle stelle tra Pyongyang e i Paesi vicini, alleati americani compresi. Kim Jong Un ha autorizzato il lancio di un nuovo missile, finito nel mar del Giappone. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha condannato l'azione definendola una "grave minaccia per il nostro Paese e una chiara violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite". Intanto, il Giappone ha fatto sapere che il missile ha volato per 30 minuti prima di cadere in mare, tra la costa orientale della Corea del Nord e il territorio giapponese. Il missile balistico è stato lanciato alle 5.27 ora locale dalla città di Kusong, a nord di Pyongyang. Secondo le autorità della Corea del Sud il missile ha viaggiato per più di 700 chilometri prima di cadere nelle acque del mar del Giappone. Anche se ancora si stanno analizzando i dettagli del lancio per determinarne la tipologia, sembrerebbe che il test missilistico sia stato completato con successo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Djalali, sospesa condanna a morte del ricercatore iraniano in Piemonte

La Corte suprema dovrà ora riesaminare il caso dell'accademico accusato di spionaggio

Russiagate, il ministro Sessions interrogato da team del procuratore Mueller

È la prima volta che un membro del governo del presidente Trump viene ascoltato nell'ambito delle indagini

Usa, studente 15enne spara in liceo in Kentucky: due morti. Fermato il killer

Lo annuncia il governatore di questo Stato della zona centro-orientale degli Usa

Carles Puigdemont a Copenhagen

Catalogna, Madrid: "Puigdemont non tornerà, neanche nascosto in un bagagliaio"

Mobilitate le forze dell'ordine su tutto il territorio spagnolo per impedire il rientro dell'ex governatore