Domenica 14 Maggio 2017 - 08:30

Nuova provocazione Nord Corea: missile verso mar del Giappone

Dopo un'apparente apertura al dialogo di Pyongyang tensione di nuovo alle stelle

Nuova provocazione della Corea del Nord: lancia un missile verso il mar del Giappone

Dopo l'apparente apertura al dialogo della Corea del Nord verso gli Stati Uniti, la tensione torna alle stelle tra Pyongyang e i Paesi vicini, alleati americani compresi. Kim Jong Un ha autorizzato il lancio di un nuovo missile, finito nel mar del Giappone. Il primo ministro giapponese Shinzo Abe ha condannato l'azione definendola una "grave minaccia per il nostro Paese e una chiara violazione delle risoluzioni delle Nazioni Unite". Intanto, il Giappone ha fatto sapere che il missile ha volato per 30 minuti prima di cadere in mare, tra la costa orientale della Corea del Nord e il territorio giapponese. Il missile balistico è stato lanciato alle 5.27 ora locale dalla città di Kusong, a nord di Pyongyang. Secondo le autorità della Corea del Sud il missile ha viaggiato per più di 700 chilometri prima di cadere nelle acque del mar del Giappone. Anche se ancora si stanno analizzando i dettagli del lancio per determinarne la tipologia, sembrerebbe che il test missilistico sia stato completato con successo.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi