Venerdì 16 Dicembre 2016 - 15:00

Nuoto, Assoluti: Pellegrini vince 200 sl, Detti batte Paltrinieri

Ai campionati in corso a Riccione l'azzurra conquista il suo titolo italiano numero 107

Nuoto, Assoluti: Pellegrini vince 200 sl, Detti batte Paltrinieri

Prima sessione dei campionati assoluti invernali open in vasca olimpica, in programma sino a sabato allo Stadio del Nuoto di Riccione. Titolo italiano numero centosette per Federica Pellegrini (CC Aniene), che domina i 200 stile libero in 1'56''04. "Speravo di limare qualche centesimo in più - sottolinea la vincitrice di tutto, appena rientrata dai mondiali in vasca corta di Windsor con l'unico oro che le mancava in carriera nei 200 stile libero -  La vittoria in Canada mi ha tramesso molta carica per il proseguimento della stagione. Quest'anno i 200 stile libero saranno ancora la mia gara principale; i 100 li preparerò ma non con la stessa attenzione", conclude la 28enne di Spinea seguita da Matteo Giunta al centro federale di Verona. Alle spalle della campionessa di Spinea si piazzano Stefania Pirozzi (Fiamme Oro Roma/CC Napoli) in 2'00''49 e Rachele Ceracchi (CC Aniene) in 2'00''73.

Subito in evidenza Niccolò Martinenghi (NC Brebbia) che vince i 50 rana con il record mondiale juniores di 27''32 che migliora il 27''35 nuotato dal pupillo di Marco Pedoja lo scorso 10 agosto ai campionati di categoria, a Roma. Il diciasettenne di Varese diventa il quarto performer italiano di sempre, alle spalle di Andrea Toniato, Fabio Scozzoli e Alessandro Terrin. Successo di Gabriele Detti nei 400 stile libero in 3'48''58 su Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro Roma/Coopernuoto), a oltre due secondi in in 3'50''75. 

Nelle altre serie dirette Veronica Neri (SMGM Team Lombardia) vince i 50 dorso con il personale 28''62 (precedente 28''73) davanti a Tania Quaglieri (Sea Sub Modena) in 28''68 e Silvia Scalia (CC Aniene) in 28''78. Sempre di Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) i 400 misti con 4'17''89; a seguire Giovanni Sorriso (CC Aniene) con il primato personale di 4'20''84 (precedente 4'21''98) e Giorgio Gaetani (Esercito/Larus Nuoto) in  4'21''25. La primatista italiana Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/NC Azzurra 91), bronzo europeo, vince i 100 farfalla in 58''81, precedendo Silvia Di Pietro (Forestale/CC Aniene) con 59''03 ed Elena Di Liddo (CC Aniene) con 59''45. Nei 100 rana Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika) scende sotto il muro dei 68 secondi e vince la sfida con Martina Carraro (NC Azzurra 91) in 1'07''79 contro 1'08''09. Terza Giulia Verona (SMGM Team Lombardia) in 1'09''02. Decimo titolo italiano per Piero Codia (Esercito/CC Aniene) nei 50 farfalla in 23''76 avanti a Luca Dotto (Forestale/Larus Nuoto), secondo in 23''95, e Andrea Farru (Sport Full Time Sassari), terzo in 24''01. La 4x100 stile libero va alle Fiamme Oro in 3'18''24 con Alessandro Miressi che nuota la prima frazione il personale di 48''91, diventando il decimo performer italiano di sempre. Le ragazze del CC Aniene si confermano campionesse d'Italia con la 4x100 mista in 4'05''93, distanti dal loro record italiano di società (4'01''64 del 17 aprile 2015 stabilito proprio a Riccione). Federica Pellegrini nuota i 100 dell'ultima frazione in 54''93.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Morte del nuotatore Dall'Aglio: un indagato per omicidio colposo

Morte del nuotatore Dall'Aglio: più indagati per omicidio colposo

Il 24enne azzurro della Nazionale era in palestra da solo

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni - Foto tratta dal profilo Facebook

Morto Dall'Aglio: il nuotatore azzurro aveva solo 24 anni

Il giovane di Montecchio avrebbe avuto un malore mentre era in palestra

Nuoto, Coppa del mondo vasca corta Mosca: Pellegrini vince 400 sl

Nuoto, Coppa del mondo vasca corta Mosca: Pellegrini vince 400 sl

Ai piedi del podio nei 100 farfalla Matteo Rivolta

17th FINA World Aquatics Championships - Le gare del 26 Luglio

Nuoto, Pellegrini: Basta 200, sarà strano ma non torno indietro

La campionessa veneta torna sul trionfo ai Mondiali di Budapest e sulla decisione di cambiare specialità