Mercoledì 18 Gennaio 2017 - 22:30

Nozze gay, Obama: Progresso per omosessuali in Usa è irreversibile

"Il principale contributo a questo cambiamento è stato quello degli attivisti"

Usa, ultimo discorso di Barack Obama da presidente

Il progresso per i diritti degli omosessuali raggiunto sotto il mandato presidenziale di Barack Obama è "irreversibile" ed è stato merito di una società più aperta. A dirlo è stato proprio il presidente uscente, Obama, nel corso della sua ultima conferenza stampa prima dell'avvicendamento alla Casa Bianca con Donald Trump che si terrà dopodomani. "Il principale contributo a questo cambiamento è stato quello degli attivisti, i figli, le figlie e le coppie che erano orgogliosi di chi sono e hanno detto: siamo qui", ha affermato.

Durante il mandato di Obama il Pentagono ha abrogato la regola del 'don't ask don't tell', in base alla quale non bisognava dichiararsi omosessuali se si prestava servizio nelle forze armate, e a seguito di una lunga battaglia legale nel 2015 la Corte suprema ha legalizzato le nozze gay in tutto il Paese.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Barcellona, padre di Bruno: "Mio nipote salvo per mia nuora"

Il racconto del papà di Gulotta, il 35enne italiano morto nell'attentato terroristico sulle Ramblas: "Mi sento vuoto"

FILE PHOTO: National Constituent Assembly's President Delcy Rodriguez speaks during a session of the assembly at Palacio Federal Legislativo in Caracas

Venezuela, parlamento rifiuta 'scioglimento' da Costituente

L'assemblea eletta lo scorso 30 luglio ha approvato oggi un decreto con cui assume il potere di votare le leggi

L'Italia piange Bruno e Luca. Mattarella: "Lotta al terrore"

La politica si stringe nel dolore delle famiglie

FILE PHOTO: U.S. President Donald Trump talks to senior staff Steve Bannon during a swearing in ceremony for senior staff at the White House in Washington

Usa, ultimo giorno del consigliere Bannon alla Casa Bianca

Nel mirino i suoi stretti legami con i gruppi di estrema destra