Sabato 14 Maggio 2016 - 11:30

Nord Corea: Visita di Obama a Hiroshima è ipocrita

La prima reazione di Pyongyang dopo l'annuncio del viaggio del presidente Usa

Il leader nordcoreano, Kim Jong-un

Tokyo (Giappone), 14 mag. (LaPresse/EFE) - La Corea del Nord ha definito come "il colmo dell'ipocrisia" la prossima visita del presidente degli Stati Uniti Barack Obama a Hiroshima, dove proprio gli Stati Uniti nel 1945 lanciarono la bomba atomica. Nell'edizione odierna del quotidiano Rodong Sinmun, giornale ufficiale del partito dei Lavoratori della Corea del Nord, il regime di Kim Jong-un ha ribadito che gli Stati Uniti "sono criminali nucleari" e che questa è la loro "vera natura", fa sapere l'agenzia di stampa giapponese Kyodo.

Si tratta della prima reazione di Pyongyang sulla visita di Obama a Hiroshima, prevista per il prossimo 27 maggio a seguito del vertice del G7 che si tiene in Giappone. Nell'articolo di Rodong Sinmun si denuncia inoltre che Washington minaccia Pyongyang con il suo arsenale atomico periodicamente per ottenere il disarmo nucleare da parte del regime di Kim. Per questo la Corea del Nord è sottoposta a dure sanzioni economiche imposte dall'ONu dopo i suoi test nucleari.
 

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, presidio contro mamma licenziata da IKEA

Vantaggi fiscali illeciti a Ikea. L'Unione Europea indaga sull'Olanda

Due norme fiscali avrebbero favorito il colosso svedese dei mobili nei confronti della concorrenza. Ricavi spostati in Lussemburgo e Liechtenstein

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, raid Israele su obiettivi Hamas in Striscia Gaza

L'attacco in seguito ai razzi lanciati dalla zona palestinese

Libano, autista Uber confessa: "Ho ucciso la diplomatica britannica". Arrestato

Incastrato dalle riprese delle telecamere di sorveglianza stradali, che hanno filmato la sua auto

Cars are parked at Misurata Central Hospital

Libia, sequestrato e ucciso il sindaco di Misurata

Il corpo abbandonato fuori da un ospedale. I sospetti ricadono sulle milizie e i gruppi islamisti della città