Martedì 01 Agosto 2017 - 21:45

Nord Corea, Tillerson: Usa non cerca cambio regime

Il senatore repubblicano Lindsey Graham aveva detto che il presidente Trump sarebbe pronto a dichiarare guerra alla Corea

U.S. Secretary of State Rex Tillerson speaks at the Australia-United States Ministerial Consultations (AUSMIN) at Government House in Sydney

Non cerchiamo un cambio di regime, non cerchiamo un crollo del regime, non cerchiamo una riunificazione accelerata della penisola". Così il segretario di Stato americano Rex Tillerson a proposito della Nord Corea. "Noi non siamo il vostro nemico", ha aggiunto Tillerson, "ma state presentando una minaccia inaccettabile per noi e dobbiamo rispondere. E speriamo che a un certo punto cominceranno a capirlo e vorremmo sederci e dialogare con loro". 

Le dichiarazioni del segretario arrivano per smentire il senatore repubblicano Lindsey Graham che halla Nbc aveva detto: "Il presidente Usa Donald Trump è pronto a dichiarare la guerra e distruggere la Corea del Nord", riferendo di un colloquio avuto con il presidente. "Trump è pronto a dichiarare guerra alla Corea del Nord come Pyongyang ha ripetutamente promesso di fare con gli Stati Uniti, piuttosto che consentire al dittatore Kim Jong-un di sviluppare un missile balistico intercontinentale (Icbm) dotato di testata atomica in grado di colpire l'America".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

"Islam religione di pace... eterna". Charlie Hebdo nella bufera

La copertina del settimanale accende le polemiche per l'ironia sull'attentato a Barcellona

Balla la Macarena per strada: 14enne arrestato in Arabia Saudita

Il video mentre attraversa la strada al passo di danza è diventato virale dopo un anno scatenando la reazione della polizia saudita

Violenti scontri nella notte dopo la visita di Trump a Phoenix

"Charlottesville, media disonesti". Scontri a convegno Trump

Il presidente americano parla anche di Messico e Corea del Nord. Spary urticanti sui manifestanti anti-Trump

Barcellona, libero un arrestato. Documento Isis in covo di Alcanar

Un altro imputato resterà in carcere ancora per 72 ore. Negata la cauzione agli altri due. Chemlal: "Volevamo colpire la Sagrada Familia"