Martedì 01 Agosto 2017 - 21:45

Nord Corea, Tillerson: Usa non cerca cambio regime

Il senatore repubblicano Lindsey Graham aveva detto che il presidente Trump sarebbe pronto a dichiarare guerra alla Corea

U.S. Secretary of State Rex Tillerson speaks at the Australia-United States Ministerial Consultations (AUSMIN) at Government House in Sydney

Non cerchiamo un cambio di regime, non cerchiamo un crollo del regime, non cerchiamo una riunificazione accelerata della penisola". Così il segretario di Stato americano Rex Tillerson a proposito della Nord Corea. "Noi non siamo il vostro nemico", ha aggiunto Tillerson, "ma state presentando una minaccia inaccettabile per noi e dobbiamo rispondere. E speriamo che a un certo punto cominceranno a capirlo e vorremmo sederci e dialogare con loro". 

Le dichiarazioni del segretario arrivano per smentire il senatore repubblicano Lindsey Graham che halla Nbc aveva detto: "Il presidente Usa Donald Trump è pronto a dichiarare la guerra e distruggere la Corea del Nord", riferendo di un colloquio avuto con il presidente. "Trump è pronto a dichiarare guerra alla Corea del Nord come Pyongyang ha ripetutamente promesso di fare con gli Stati Uniti, piuttosto che consentire al dittatore Kim Jong-un di sviluppare un missile balistico intercontinentale (Icbm) dotato di testata atomica in grado di colpire l'America".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Campagna di Russia

La ritirata di Russia 75 anni fa: 100mila soldati non tornarono

"Solo a piedi, sempre a piedi, con un freddo terribile", ricorda ancora oggi l'allora giovane sottotenente della divisione Ravenna Guido Placido

Putin e Erdogan in conferenza stampa a Ankara

Russia, Putin: "Correrò alle elezioni da indipendente"

Il presidente russo spera nel sostegno di più di un partito politico

Handout photo of Kentucky state Representative Dan Johnson (R-KY)

Usa, si suicida deputato repubblicano del Kentucky accusato di stupro

L'accusa di stupro risale al 2013, ma il caso era stato riaperto sulla scia degli scandali sessuali che hanno travolto altri 4 deputati della sua legislatura

Rohingya refugees make their way over a bridge at the Kutupalong refugee camp near Cox's Bazar

Birmania, Msf: "6.700 rohingya uccisi in un mese". E il Papa: "Sono loro Gesù"

Il bilancio ufficiale delle autorità birmane riferito allo stesso periodo è di 400 vittime