Domenica 03 Settembre 2017 - 14:00

Nord Corea testa bomba H. Trump: Attacco? Vedremo. Onu riunisce consiglio di sicurezza

Il sesto e più grande esperimento atomico del regime ha provocato un sisma di magnitudo 6.3

Nord Corea, lancia razzo a lunga gittata: consiglio Onu si riunisce

Tensione alle stelle nella penisola coreana. Pochi giorni dopo aver lanciato un missile che ha sorvolato il Giappone, la Corea del Nord conduce il suo sesto test nucleare dal 2006, il più potente sinora, e annuncia di aver testato con "perfetto successo" una bomba all'idrogeno. Una decisa escalation nella tensione tra Pyongyang da una parte, gli Usa e i loro alleati dall'altra. Condanne e richieste di sanzioni sono piovute da tutto il mondo, e dagli Usa il presidente Donald Trump ha parlato di "nazione canaglia", di azioni "ostili e pericolose per gli Usa", rispondendo "vedremo" a chi gli ha domandato se intenda attaccare. E ha annunciato un incontro con i suoi consiglieri e i vertici delle forze armate.

IL TEST. Un sisma 6.3 è stato rilevato nella parte settentrionale della Corea del Nord e poco dopo Pyongyang ha annunciato di aver testato una bomba all'idrogeno. Il regime porta avanti il suo programma missilistico e nucleare in aperta sfida all'Onu, dopo che lo inaugurò nel 2006 Kim Jong-il, padre dell'attuale leader Kim Jong-un. Già nel 2016 il regime disse di aver testato una bomba-H, ma gli esperti smentirono. Ora Pyongyang ha affermato che quella bomba è stata progettata per essere piazzata su un nuovo missile balistico intercontinentale (Icbm). L

A BOMBA H. Non ci sono conferme esterne che si sia trattato davvero di una bomba all'idrogeno, mentre il Giappone ha detto di non poterlo escludere. Le autorità di Tokyo e Pechino hanno affermato che si è trattato di una potenza 10 volte superiore, rispetto alla scossa dell'ultimo test nucleare un anno fa. L'intelligence Usa, citata da Reuters, ha parlato di un "dispositivo nucleare avanzato", mentre continuerà le valutazioni. Per vari esperti, se non è stata una bomba H, è stato un ordigno che le si avvicina come potenza. La sua forza è stata cinque volte maggiore di quella della bomba americana su Nagasaki nel 1945, quando 70mila persone morirono all'istante.

LA REAZIONE AMERICANA. Trump in precedenza ha più volte usato toni infuocati verso il regime, parlando di "fuoco e furia" in risposta alle minacce e dicendo che "il dialogo non funziona" (contraddetto dal segretario alla Difesa James Mattis, che ha promesso soluzioni diplomatiche inesauribili). Oggi ha scritto su Twitter che "parlare è inutile" (criticando anche Seul per un atteggiamento sbagliato), che Pyongyang è "molto ostile e pericolosa per gli Usa", e che sta "valutando, in aggiunta ad altre opzioni, di interrompere tutte le relazioni commerciali con chi faccia affari" con il regime. Quando gli è stato domandato se gli Usa attaccheranno, ha risposto: "Vedremo". Ha anche parlato con il premier giapponese Shinzo Abe, concordando di "aumentare la pressione" su Kim.

LA CINA E LA RUSSIA. Pechino è considerata da lungo tempo 'vicina' a Pyongyang, ma di recente i rapporti sono tesi. Dopo il test, ha chiesto formalmente al regime di mettere fine alle sue "azioni sbagliate" e il rispetto delle risoluzioni Onu. Il presidente Xi Jinping ha anche parlato al telefono con l'omologo russo, Vladimir Putin, e i due hanno "concordato di gestire in modo adeguato" la situazione, ha riferito Xinhua.

CONDANNE DA AIEA, NATO, UE. Lunghissimo l'elenco delle condanne. Tra esse quella dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), che ha parlato di "grave preoccupazione" e ha detto di seguire da vicino gli sviluppi. La Nato ha chiesto la "fine immediata" del programma atomico e missilistico, in modo "completo, verificabile e irreversibile". E l'Ue vuole che il Consiglio di sicurezza Onu prenda una posizione "ferma ed efficace". Il presidente francese, Emmanuel Macron, e la cancelliera tedesca, Angela Merkel, hanno chiesto che non solo l'Onu, ma anche l'Ue agisca, e che le sanzioni "siano rafforzate". Il Consiglio di sicurezza Onu si riunirà domani alle 16 italiane.

Loading the player...
Scritto da 
  • Agnese Gazzera
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Zimbabwe, Mugabe resiste e non si dimette. Lui e la moglie espulsi dal partito

Il discorso in tv: "Restituire la normalità al Paese". Mnangagwa prende il posto del presidente come leader di Zanu-Pf

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sette tentativi falliti di chiamate d'emergenza dal sottomarino scomparso

I segnali ricevuti fra le 10.52 e le 15.42 ora locale e hanno avuto una durata dai 4 ai 36 secondi. Non si è però riusciti a stabilire un contatto

Proteste in Zimbabwe

Zimbabwe, manifestanti anti-Mugabe marciano verso residenza presidente

Il nipote: "Lui e la moglie Grace sono pronti a morire per ciò che è giusto e non hanno intenzione di dimettersi"

The Argentine military submarine ARA San Juan and crew are seen leaving the port of Buenos Aires

Argentina, sottomarino militare scomparso da 2 giorni nell'Atlantico: ricerche in corso

A bordo 44 membri dell'equipaggio. Sarebbe andato a fuoco il sistema radio all'interno dell'imbarcazione