Martedì 13 Giugno 2017 - 16:30

Nord Corea rilascia studente Usa condannato a 15 anni di lavori forzati

Otto Warmbier era stato arrestato nel gennaio 2016 con l'accusa di aver tentato di rubare un manifesto di propaganda

Nord Corea, rilasciato lo studente americano condannato a 15 anni di lavori forzati

La Corea del Nord ha rilasciato Otto Warmbier, lo studente statunitense di 22 anni che era stato arrestato nel gennaio 2016 e condannato a 15 anni di lavori forzati con l'accusa di aver tentato di rubare un manifesto di propaganda. Ad annunciarlo il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, secondo quanto riferito da AP. Altri tre cittadini americani sono detenuti nel Paese.

Lo studente dell'univesità della Virginia, è stato condannato da un tribunale supremo 16 giorni dopo aver riconosciuto pubblicamente la sua 'colpa' in una confessione che potrebbe essere stata forzata dalle autorità nordocoreane. In altre occasioni Pyongyang ha utilizzato la detenzione di cittadini statunitensi per cercare di iniziare negoziati politici con Washington, dato che tra i due Paesi sono interrotte le relazioni diplomatiche.

LEGGI ANCHE Ex campione Nba Rodman in Nord Corea. E Kim libera studente Usa

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

THEMENBILD, Konzentrationslager Auschwitz I

Polonia, rubano mattoni Auschwitz: incriminati 2 turisti ungheresi

Sono stati accusati formalmente di furto di un bene culturale

Theresa May riceve il presidente Donald Trump

Brexit, May rivela: "Trump mi ha detto di fare causa all'Ue"

Il suggerimento 'brutale' del presidente Usa

TOPSHOT-SPAIN-MIGRANTS-EU-PROACTIVA-OPEN-ARMS

Migranti, anche la Germania ne accoglierà 50. Ma Praga attacca: "Richiesta di Roma è via per l'inferno"

Conte: "Solidarietà Ue sta diventando realtà". Spagna all'attacco: "Con linea dura dell'Italia si rischia disintegrazione Unione"

Uomo ucciso dalla polizia a Chicago: proteste e agenti feriti

Arrestati quattro manifestanti. 'Assassini' e 'nessuna giustizia, nessuna pace' gli slogan urlati dalla folla