Lunedì 15 Maggio 2017 - 15:30

Nord Corea, Putin: Basta minacce, serve dialogo con Pyongyang

"L'escalation di questo conflitto non porta a nulla di buono"

Nord Corea, Putin: Basta minacce, serve dialogo con Pyongyang

"Dobbiamo tornare a dialogare con la Corea del Nord, smettere di minacciare Pyongyang e trovare la strada per risolvere il problema pacificamente". Queste le parole del presidente russo Vladmir Putin a margine del vertice sulla nuova Via della Seta a Pechino. Commentando la situazione in Corea del Nord all'indomani dell'ultimo test missilistico del regime, Putin ha confermato di essere "contrario in modo categorico all'espansione dei programmi nucleari in Corea", che sono "dannosi e pericolosi". "Ma allo stesso tempo - ha ricordato il leader russo - abbiamo visto nel mondo di recente attacchi e incursioni in territori di Stati sovrani e cambi di regime che hanno provocato solo una corsa alle armi".

Il missile lanciato ieri a poche decine di chilometri dai confini della Russia nel Mar del Giappone, "non ha rappresentato una minaccia per noi" ha chiarito Putin, ma "l'escalation di questo conflitto non porta a nulla di buono".

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo