Venerdì 08 Aprile 2016 - 14:30

Nord Corea, in 13 disertano al Sud da ristorante all'estero

 Il governo nordcoreano ha aperto alcuni ristoranti in Bangladesh, Cambogia, Cina, Birmania e Vietnam, fonti primarie di raccolta di reddito e di valuta straniera per le casse del regime di Kim Jong-un

Il leader nordcoreano Kim Jong Un a un banchetto

 Tredici cittadini nordcoreani impiegati in un ristorante all'estero di Pyongyang hanno disertato in massa e hanno chiesto asilo alla Corea del Sud. Lo ha reso noto il governo di Seul spiegando che le dodici donne e un uomo sono riusciti a raggiungere ieri lo Stato sudcoreano da un Paese terzo, senza fornire altri dettagli sulla provenienza e le rotte seguite per raggiungere il Sud a causa di motivi di sicurezza e frizioni diplomatiche con Pyongyang. Il governo nordcoreano ha aperto alcuni ristoranti in Bangladesh, Cambogia, Cina, Birmania e Vietnam, fonti primarie di raccolta di reddito e di valuta straniera per le casse del regime di Kim Jong-un.

Il portavoce del ministero sudcoreano dell'Unificazione, Jeong Joon Hee, ha ananuncaito che Seul ha accettato le richieste di asilo per motivi umanitari. "I lavoratori hanno raccontato di aver deciso di chiedere asilo dopo aver effettuato ricerche sulla vita in Corea del Sud attraverso la televisione, i film e internet, dopo essersi resi conto del carattere ingannevole della propaganda nordcoreana", ha spiegato il portavoce. Si tratta del primo caso conosciuto di una diserzione di massa di lavoratori che di solito fuggono da soli in coppia vista l'alto livello di sorveglianza. Circa 27mila nordcoreani richiedenti asilo politico si sono stabiliti in Corea del Sud negli ultimi sessat'anni.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

A U.S. B52 plane is pictured during Exercise Eager Lion at the Jordan-Saudi Arabia border

Nord Corea, sale la tensione: Usa verso allerta bombardieri nucleari B52

I media americani: è la prima volta dai tempi della Guerra Fredda

Mosca, accoltellata una giornalista durante irruzione nella redazione di Ekho Moskvy

Russia, conduttrice accoltellata in radio: fermato l'aggressore

Tatyana Felgengauer colpita al collo, non è in pericolo di vita. Non è chiaro il movente dell'assalitore

Elezioni In Argentina

Argentina, Macri vince le legislative. A Fernandez un seggio in Senato

Nelle elezioni di midterm il presidente in carica si rafforza