Venerdì 04 Agosto 2017 - 12:30

No agli artisti 'scomodi': Grammy si autocensurano per la Cina

Promessa una 'pulizia' in vista dello show del 2018. Nella 'lista nera' di Pechino Lady Gaga, Justin Bieber e Bon Jovi

No agli artisti 'scomodi': Grammy si autocensurano per il tour in Cina

I Grammy si preparano a sbarcare in Cina con un tour nel 2018, ma prima serve una profonda 'ripulita'. Per soddisfare le richieste dei censori cinesi, infatti, gli organizzatori hanno promesso di portare sul palco solo artisti che si comportano 'in maniera adeguata', escludendo quelli che fanno parte della 'lista nera' di Pechino.

Lady Gaga, Bjork e Bon Jovi, ad esempio, sono stati banditi dal Paese per avere espresso il loro sostegno al Dalai Lama, leader spirituale tibetano e nemico storico della Cina. Tra le star non gradite c'è anche Justin Bieber, accusato di 'comportamenti negativi' non meglio specificati.

La Recording Academy, che gestisce i Grammy, ha comunque deciso di venire incontro alle esigenze di Pechino e si è impegnata a rispettare le sue regole in vista del tour che l'anno prossimo vedrà esibirsi nel Paese tanti artisti degli Awards, premiati e non.

"Se ci sono restrizioni legate alla loro cultura, dobbiamo essere rispettosi", ha detto Neil Portnow, presidente e direttore generale della Recording Academy. E Steven Fock, direttore esecutivo di Bravo Entertainment, che sarà partner dell'Academy nell'organizzazione del tour, ha chiarito nel dettaglio quali sono gli obiettivi della 'pulizia': "Vogliamo promuovere artisti con un'immagine positiva e sana".

Apparentemente, la rimozione dei contenuti ritenuti inappropriati dal settore dello spettacolo potrebbe avere anche una valenza positiva. Peccato che i termini vaghi utilizzati per distinguere ciò che è 'sano' dal resto permettono alle autorità di censurare gli artisti liberamente, spesso per mettere a tacere opinioni politiche sgradite.

Ma per gli organizzatori dei Grammy il mercato cinese è troppo allettante per restarne fuori. Quindi via alla 'ripulita', senza farsi troppe domande.

Scritto da 
  • Claudia Mingardi
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Foto tratta dalla pagina Facebook degli I-Days

I Pearl Jam tornano a Milano: la voce manca, le emozioni no

Eddie Vedder chiede un aiuto speciale al pubblico: "Stavolta fate anche voi parte della band". E i 60mila non si tirano indietro

Il tour di Jovanotti sbarca a Londra e chiude col video 'Viva la libertà'

Per Lorenzo sarà la prima volta in un palazzetto dello sport del Regno Unito. Prima della Wembley Arena, tappa a Bruxelles

Bono Vox passeggiata per Malibu

Bono Vox contro Trump sui migranti: "È una politica anti-americana"

Il leader degli U2 fa un appello al Congresso per cambiare la legge

L'uccisione del rapper XXXTentacion a Miami - Immagini di repertorio

Addio a XXXTentacion, astro nascente del rap: morto in sparatoria

Il giovane è stato ucciso dopo una rapina all'uscita dal negozio Riva Motorsports a Miami