Domenica 24 Luglio 2016 - 16:15

Nizza, scontro Cazeneuve-capo sorveglianza: scatta la querela

Bertin denuncia: "Ho ricevuto pressioni da Parigi per 'ritoccare' il rapporto sull'attentato"

Nizza, scontro Cazeneuve-capo sorveglianza: scatta la querela

Ancora caos in Francia a dieci giorni dall'attentato di Nizza. Il ministro dell'Interno francese, Bernard Cazeneuve, annuncia che presenterà una querela per diffamazione nei confronti della responsabile del centro di supervisione urbana (Csu) di Nizza, Sandra Bertin. Questa, dalle colonne del Journale du dimanche, ha accusato di aver ricevuto pressioni da Parigi perché 'ritoccasse' il suo rapporto sull'attentato del 14 luglio. A dare notizia delle intenzioni di Cazeneuve è stata la stessa testata francese, che ha citato una nota del ministero. "Sarebbe molto utile che Sandra Bertin fosse ascoltata dagli inquirenti e potesse fornire loro le identità e le mansioni delle persone che chiama in causa, le email di cui parla e il loro contenuto", afferma Cazeneuve nella nota.

La responsasibile del centro di supervisione urbana afferma di essere stata costretta a riportare nella relazione la presenza della polizia nazionale, nonostante non l'avesse rilevata nei video di sorveglianza. "Ho subito insistenze per un'ora, mi è stato ordinato di indicare le posizioni specifiche della polizia nazionale, che io negli schermi non ho visto", ha raccontato Bertin. Le è stato richiesto il giorno dopo la strage, ha spiegato, "un rapporto in cui segnalare i punti di presenza della polizia municipale, le barriere, e di precisare bene che si vedeva anche la polizia nazionale in due punti".

"Ho risposto che non avrei scritto ciò che non avevo visto. E' possibile che la polizia nazionale fosse là, ma non compariva nei video. Allora questa persona mi ha chiesto di mandare per email una versione modificabile del rapporto, per 'non dover riscrivere tutto'", ha raccontato ancora Bertin. In conclusione, spiega di aver "alla fine inviato via email una versione Pdf non modificabile e un'altra modificabile".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%

Forum economico internazionale di San Pietroburgo

Macron tende la mano a Conte: "Mai date lezioni agli italiani"

Il presidente francese dice la sua sul nuovo governo