Venerdì 15 Luglio 2016 - 13:30

Nizza, chirurgo italiano: Non ci sono più sale per le autopsie

E' la testimonianza di Antonio Iannelli, medico italiano residente nella città francese

Strage a Nizza: i corpi delle vittime sulla Promenade

"Non ci sono più sale per le autopsie, si stanno facendo nelle aule universitarie". E' la testimonianza di Antonio Iannelli, chirurgo italiano residente a Nizza che parla a SkyTg24. Iannelli era di riposo ed era con la famiglia a ristorante quando è avvenuta la strage. Parlando con i suoi colleghi, ha raccolto alcuni dati sui feriti arrivati in ospedale. "I miei colleghi mi hanno detto che ci sono solo due feriti da arma da fuoco, gli altri hanno patologie da schiacciamento, molte ortopediche", ha aggiunto.
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

L'aeroporto di Amsterdam circondato dai media e dalla curiosita' della gente dopo l'incidente aereo di ieri

Amsterdam uomo con coltello all'aeroporto. Colpito dalla polizia

La persona agitava l'arma contro le persone. Gli hanno sparato. Zona interdetta

Gerusalemme capitale, ancora proteste in tutto il mondo musulmano

Gerusalemme, 2 palestinesi morti e oltre 100 feriti nelle proteste

La prima "giornata della rabbia". Le vittime sono due uomini. Hamas invita ad assediare le ambasciate Usa nel mondo

Migranti, affondato un barcone al largo delle coste libiche

Migranti, Gentiloni attacca: "Inaccettabile indisponibilità di alcuni Paesi"

Il premier al vertice Ue di Bruxelles: "Le regole non sono optional". Unicef: "400 bambini annegati nel Mediterraneo nel 2017"