Domenica 17 Luglio 2016 - 22:45

Nizza, Farnesina: dieci italiani tra dispersi e feriti

I morti della strage sono 84, 35 sono stati identificati

Nizza, ancora una decina di italiani tra irreperibili e feriti

Sono una decina gli italiani che risultano ancora irreperibili o feriti dopo la strage di Nizza. Lo rende noto la Farnesina, la cui attività continua senza sosta. La famiglia Sermoneta, di cui non si avevano più notizie dopo l'attentato, è stata rintracciata. La Comunità ebraica di Roma ha confermato che stanno bene Salvatore Sal Sermoneta, la moglie Wioletta Podpora e la figlia Siead. Trentacinque delle 84 persone uccise sono state identificate. Tutti i cadaveri sono stati sottoposti a esami esterni e test, mentre per 13 di essi di cui è difficile identificare la causa della morte sarà condotta autopsia. Sette le persone in stato di fermo per la strage, mentre la ex moglie del 31enne tunisino è stata rilasciata oggi senza incriminazioni.

LEGGI ANCHE 'Nizza, killer ha avuto appoggio logistico per l'attacco: 7 fermi'

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

L'astronauta Alan L. Bean , pilota del modulo lunare , fotografato durante l 'attività extraveicolare sulla luna - Le foto fu fatta dal comandante Charles Conrad jr.

Addio a Alan Bean, quarto uomo sulla Luna

E' morto in Texas all'età di 86 anni. Partecipò alla missione Apollo 12

Coree, incontro a sorpresa Kim-Moon. Summit con Trump ancora possibile

Si sono riuniti per la seconda volta (la prima era stata il mese scorso) a Panmunjom, villaggio che si trova nella zona demilitarizzata nota come Dmz

Libia, Fayez al-Sarraj parla con i giornalisti a Tripoli

Libia, le milizie: "Abbiamo preso i palazzi del potere a Tripoli"

Gli attivisti sui social riferiscono si tratti delle brigate Halbous, dei rivoluzionari e Ghaniwa. Ma il governo smentisce

Irlanda, domani il paese alle urne per il referendum sull'aborto

Storica svolta in Irlanda: sì al referendum sull'aborto

Il 66,4% degli elettori ha votato a favore dell'abrogazione del divieto costituzionale dell'interruzione volontaria di gravidanza. L'affluenza si è attestata al 64,1%