Domenica 11 Dicembre 2016 - 09:00

Nigeria, crolla tetto di una chiesa: almeno 60 morti, diversi feriti

E' accaduto nella città di Uyo, capitale dello Stato di Akwa Ibom

Nigeria, crolla tetto di una chiesa: almeno 60 morti, diversi feriti

È di almeno 60 morti e diversi feriti in Nigeria il bilancio del crollo del tetto di una chiesa evangelica a Uyo, capitale dello Stato di Akwa Ibom, nel sudest del Paese. Lo riporta l'agenzia di stampa statale Nan, spiegando che il crollo è avvenuto mentre si celebrava una messa in cui doveva essere ordinato un nuovo vescovo. Altri media locali riportano bilanci più gravi. Fra i presenti c'era il governatore di Akwa Ibom, Udom Emmanuel, che è risultato illeso e ha scritto sul suo profilo Facebook che questo Stato non aveva mai vissuto un evento così scioccante. Il presidente della Nigeria, Muhamadu Buhari, ha trasmesso al governatore e al popolo di Akwa Ibom il suo dolore e le sue condoglianze, a nome della sua famiglia e di tutto il Paese, per i numerosi morti e i feriti, di cui non ha fornito un bilancio preciso.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Usa, un anno di Trump: tra scandali e promesse mantenute

Al termine del primo anno di governo l'immagine del presidente degli Stati Uniti nel mondo è peggiore di quanto non sia mai stata quella dei suoi due predecessori

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono