Mercoledì 17 Gennaio 2018 - 19:15

Ok Camera a missioni internazionali: 870 militari in partenza

Quattrocento verranno mandati in Libia, 470 in Niger. Forza Italia e Fratelli d'Italia votano a favore

Giugliano in Campania, militari dell'esercito italiano presidiano la 'Terra Dei Fuochi'

Via libera della Camera alla risoluzione di maggioranza sulle deliberazioni assunte dal Consiglio dei Ministri il 28 dicembre scorso sulle missioni internazionali nel 2018. La relazione è stata approvata con l'ok di Forza Italia e Fratelli d'Italia mentre la Lega si è astenuta. Contrari Liberi e uguali e Movimento 5 Stelle.

"Quando si tratta della sicurezza del nostro Paese, di missioni internazionali, non abbiamo mai fatto mancare il nostro appoggio non al governo ma all'Italia, alla sicurezza del nostro Paese" spiega Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera. "Nello specifico poi - aggiunge - se questa missione serve a controllare e filtrare l'origine di gran parte dei flussi migratori che attraverso la Libia, attraverso la costa sud del Mediterraneo arrivano in Italia, il nostro voto favorevole è ancor più giustificato.

Per Giorgia Meloni l'intento è "di mettere un freno ai flussi di immigrati che, attraverso la Libia, giungono sulle nostre coste" e assicura: "Vigileremo affinché sia questo il compito dei nostri soldati, non quello di difendere gli interessi della Francia in Niger". Gianluca Pini, deputato del Carroccio, spiega così il voto del suo gruppo: "La coda di questa legislatura è inusuale, però questo è il nostro impegno istituzionale, valutare ciò che il governo propone. Il quadro resta frammentato e confuso, con una regia non proprio puntale sulle missioni internazionali, perché c'è una dispersione enorme delle professionalita' dei militari e delle istituzioni che mandiamo in giro per il mondo, senza che questo porti risultati diretti all'interesse nazionale".

Da Liberi e Uguali il 'no'"a una missione militare che dietro la retorica del contrasto all'immigrazione nasconde interessi neocoloniali che rischiano di trascinare l'Italia in una nuova stagione di conflitti nello scacchiere africano".

Il decreto missioni non prevede solo l'impegno nel Paese del Sahel, ma anche la conferma delle missioni in Afghanistan, Libano, Balcani, Somalia e l'appoggio alle missioni Nato in Lettonia e Turchia. Tra le novità deliberate dal Consiglio dei ministri di dicembre scorso l'invio 400 militari in Libia (consistenza media annuale di 375 unità) per sostegno a carattere umanitario, assistenza e supporto sanitario, addestramento delle forze di sicurezza libiche, supporto alla Guardia costiera libica, ricognizioni in territorio libico, ripristino delle infrastrutture funzionali alla capacità libica di controllo del territorio. Il tutto per fornire "assistenza e supporto al governo di accordo nazionale libico".  Verranno utilizzati 130 mezzi terrestri, oltre a mezzi navali e aerei nell'ambito dell'operazione Mare sicuro. Nel periodo 1 gennaio-30 settembre 2018 questa missione potenziata costerà 34,98 milioni di euro.

L'Italia in Niger: una missione "no combat". In Niger l'Italia manderà 470 militari, ma, come già annunciato dal governo, non sarà una missione combat, ma di controllo dei confini, come il pattugliamento della zona al confine con la Libia, bloccando così i trafficanti che cercano di raggiungere il Paese nord africano. L'obiettivo principale è il contrasto del traffico degli esseri umani e del terrorismo. L'Italia avrà il compito di addestrare le forze nigerine al contrasto efficace del traffico di migranti gestito, insieme alla droga alle armi, dalle forze jihadiste presenti sul terrorismo. 

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

COMBO-FILES-ITALY-POLITICS-GOVERNMENT-PARTIES

Governo, Conte e Savona su graticola: ipotesi Di Maio premier, no di Salvini

Si indebolisce la candidatura del professore indicato come premier da M5S e Lega e riprende quota. Anche Paolo Savona in bilico al Mef

Luigi Di Maio presenta la squadra di Governo

Governo, il Colle vaglia il profilo di Conte: tempi più lunghi

A Mattarella serve altro tempo sul candidato premier indicato da M5S e Lega dopo il caso del curriculum 'ritoccato'

Trasmissione ''L'ultima parola''

Da Conte a Fedeli, da Madia a Giannino: quando il politico inciampa sul Cv

È capitato che ministri e parlamentari abbiano 'ritoccato' il proprio curriculum. Incidente anche per Gigi Buffon nella bufera per un falso diploma

FILES-ITALY-POLITICS-ELECTION-GOVERNMENT

Dal cv ritoccato a Stamina, Conte scivola a un passo da Chigi

Scoppia il caso sul professore indicato da Lega e M5S per il ruolo di premier. New York University: "Non c'è nei nostri archivi come studente o membro di facoltà"