Martedì 07 Novembre 2017 - 10:45

Nick Cave azzera distanza col pubblico, a Milano uno show 'fisico'

Uno concerto di vitalità pura, energia che mischia slanci elettrici a cadute disforiche

Lucca Summer Festival -Nick Cave Tour  - 2013

Una distesa di mani protese in prima fila verso Nick Cave che le stringe forte, esitando su ognuna di loro, da una piccola passerella che percorre la parte frontale del palco. Il concerto del cantautore australiano a Milano, dove si è esibito al Forum di Assago con i suoi Bad Seeds, ha un qualcosa di fisico, prima che di musicale.

Un po' per la voce profonda di Cave, un po' per il suo guardare negli occhi, sfiorare e toccare la gente. Che, alla fine, viene perfino invitata sul palco, quasi a riproporre il coro della tragedia greca, in mezzo a suoni distorti, acidi, potenti. Rock, appunto. C'è un momento, alla fine, in cui Cave è completamente circondato dai fan. E il Forum è pieno, a parte il terzo anello rimasto chiuso.

Il suo pubblico risponde in forze per questa data del tour europeo. Il rocker di Warracknabeal, classe 1957, apre con tre pezzi dall'ultimo album 'Skeleton tree', pubblicato dopo la morte prematura del figlio 15enne. Il pubblico si scalda presto, con i maxischermi che propongono una versione di Cave stilizzata, che in bianco e nero si agita con la consueta forza e sensualità da cantante maledetto.

È su 'Higgs' boson blues' che la serata decolla e che sugli schermi tornano i colori a tinte forti. Il pubblico si esalta con il carisma di Cave, che fa ampi gesti e ripete: "Can you feel my heart beat? Boom, boom, boom!". Nella parte centrale, dopo aver trascinato la folla con 'Jubilee street', l'artista australiano e la sua band spezzano con alcune ballate. 'Into my arms' è da pelle d'oca, con Cave che dà il massimo in uno dei rari momenti dello spettacolo in cui si allontana dalla prima fila per sedersi al piano. Ma, anche mentre sistema il microfono, la sua teatralità intensa non viene mai meno. Il cantautore non perde nemmeno la sua verve ironica. Scherza con il pubblico, cita Instagram.

"Sei sposato? Ah, più o meno", scherza con un fan in prima fila nel bel mezzo di una canzone. È vitalità pura, energia che mischia slanci elettrici a cadute disforiche. Come in 'I need you', quando Cave canta ossessivamente che "non importa più nulla quando la persona che ami se n'è andata". Nella terza parte i Bad Seeds tornano totalmente rock'n'roll, con 'Red right hand' e 'The mercy sea'. Poi momento catartico, con la soprano Else Torp proiettata enorme alle spalle della band, in 'Distant sky'. Per il gran finale, nel bis con 'Push the sky away', almeno cinquanta-cento persone vengono fatte salire sul palco. E così che Nick Cave chiude, con grande coerenza, un concerto fisico. Abbracciando uno degli spettatori, mentre intona le ultime note. L'8 novembre la replica a Roma

Scritto da 
  • Lorenzo Allegrini
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Fabrizio De Andrè

"Tu che m'ascolti, insegnami". Parole e musica di Fabrizio De André rimasterizzate

Grande progetto della Sony diretto da Dori Ghezzi con Morgan. Criterio di divisione per temi (dall'amore alla guerra): 78 brani divisi per temi: 4 cd e 12 lp

Cremonini e i suoi 'Possibili scenari': "Ho provato l'ebrezza del coraggio"

Dopo due anni di intenso lavoro in studio, ecco il nuovo album. Il singolo 'Poetica' la sua scommessa più grande

Fatti mandare dalla mamma: adesso la canta Fiorello con Danti | VIDEO

Il singolo di Gianni Morandi reinterpretato in versione trapper con tanto di backstage

New Kids on the block ritratti

"Nick Carter mi violentò. Colpa non è delle vittime, denunciate"

Melissa Schuman esce allo scoperto dopo 15 anni per battersi contro il fenomeno del "victim blaming". Ma il cantante respinge ogni accusa