Martedì 12 Dicembre 2017 - 15:30

New York, attentato sventato a Port Authority: sospetto incriminato per terrorismo

In Bangladesh è stata interrogata la moglie

Police gather outside a house in the Brooklyn borough, while they investigate an earlier incident of the reported explosion at the New York Port Authority Bus Terminal in Manhattan, in New York City

Akayed Ullah, l'uomo sospettato di aver fatto esplodere un ordigno artigianale ieri a New York, è stato incriminato per possesso illegale di arma, sostegno ad atto di terrorismo, minaccia terroristica. Lo ha fatto sapere la polizia lòcale, sul suo profilo Twitter. Nell'esplosione dell'ordigno che portava sul corpo sono rimasti feriti lui e altre tre persone.

L'uomo è sposato da due anni e ha un figlio di sei mesi. La donna è stata interrogata dalla polizia del Bangladesh, dove il 27enne non aveva precedenti penali in Bangladesh. L'ultima visita a Dacca risale allo scorso settembre: l'uomo, che possiede la Green card, vive da diversi anni a Brooklyn, insieme alla madre, una sorella e due fratelli

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Papa Francesco a Puerto Maldonado per abbracciare gli indigeni

Il Papa contro la cultura machista: "Donne schiave di violenza senza fine"

Nell'incontro con gli indigeni del Perù Bergoglio denuncia una situazione non più tollerabile

Papa Francesco incontra i Popoli Amazzonia nel Coliseo in Perù

Papa dagli Indios in Perù: "Lotto con voi per salvare l'Amazzonia"

Francesco continua il suo viaggio in Sudamerica e incontra i nativi

Trump interviene via video alla marcia anti-aborto a Washington: è la prima volta

Si tratta della prima apparizione pubblica di un presidente alla manifestazione: Reagan e George W. Bush si erano collegati con il corteo ma solo per telefono

Isis, ucciso in Siria il rapper jihadista tedesco Deso Dogg

Nel 2014 la traduttrice dell'Fbi incaricata di controllarlo lo aveva raggiunto nel Paese per sposarlo