Domenica 25 Dicembre 2016 - 19:00

Netanyahu convoca anche ambasciatore Usa per voto Onu

Venerdì scorso la risoluzione contro le colonie israeliane

Netanyahu convoca anche ambasciatore Usa per voto Onu

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato anche l'ambasciatore Usa in Israele, Dan Shapiro, insieme ai capi delegazioni dei Paesi che al Consiglio di sicurezza dell'Onu hanno votato a favore venerdì scorso della risoluzione che condanna gli insediamenti ebraici nei territori palestinesi. Lo rende noto il quotidiano Haaretz ricordando che il testo è stato approvato grazie alla storica astensione da parte degli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE Medioriente, ultima mossa Obama: Onu condanna colonie Israele

L'incontro avverrà in serata nella sede del ministero degli Esteri, secondo quanto spiega Haaretz, e a differenza degli altri ambasciatori, ricevuti da dirigenti del ministero, Shapiro sarà accolto direttamente da Netanyahu.

La convocazione dell'ambasciatore americano è considerato un passo inusuale nelle relazioni diplomatiche. Ma inusuale, scrive Haaretz, è stata anche la decisione degli Usa di non ricorrere al diritto di veto in sede di votazione all'Onu come sempre fatto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Conferenza stampa sulla morte di Giulio Regeni

Regeni, bufera su governo dopo caso Nyt. Famiglia: Andremo al Cairo

Secondo Claudio Regeni e Paola Deffendi sarebbe sufficiente "un po' più di pressione sul governo egiziano" per fare chiarezza

Usa 2016, Donald Trump in campagna elettorale

Hope Hicks, nuova direttrice della comunicazione per Trump

Già nel 2016 era stata la portavoce della campagna elettorale di Donald Trump

AUT, Österreich bereitet Grenzkontrollen zu Italien vor

Migranti, Austria invierà 70 soldati al Brennero

I militari non verranno schierati, né saranno dispiegati carri armati: serviranno ad aiutare nei controlli

Nord Corea, Trump: Da Kim decisione saggia, alternativa era catastrofe

Corea, Trump: Decisione saggia di Kim, alternativa era catastrofe

Kim ha deciso di "osservare per un po'" il comportamento Usa prima di intraprendere la minacciata offensiva contro Guam