Domenica 25 Dicembre 2016 - 19:00

Netanyahu convoca anche ambasciatore Usa per voto Onu

Venerdì scorso la risoluzione contro le colonie israeliane

Netanyahu convoca anche ambasciatore Usa per voto Onu

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha convocato anche l'ambasciatore Usa in Israele, Dan Shapiro, insieme ai capi delegazioni dei Paesi che al Consiglio di sicurezza dell'Onu hanno votato a favore venerdì scorso della risoluzione che condanna gli insediamenti ebraici nei territori palestinesi. Lo rende noto il quotidiano Haaretz ricordando che il testo è stato approvato grazie alla storica astensione da parte degli Stati Uniti.

LEGGI ANCHE Medioriente, ultima mossa Obama: Onu condanna colonie Israele

L'incontro avverrà in serata nella sede del ministero degli Esteri, secondo quanto spiega Haaretz, e a differenza degli altri ambasciatori, ricevuti da dirigenti del ministero, Shapiro sarà accolto direttamente da Netanyahu.

La convocazione dell'ambasciatore americano è considerato un passo inusuale nelle relazioni diplomatiche. Ma inusuale, scrive Haaretz, è stata anche la decisione degli Usa di non ricorrere al diritto di veto in sede di votazione all'Onu come sempre fatto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Catalogna, Puigdemont è a Copenaghen: rischia l'arresto

La procura spagnola chiede mandato arresto Ue per l'ex governatore

Germania, Spd in congresso straordinario a Bonn

Germania, da Spd sì a coalizione con Merkel. Schulz: "Abbiamo lottato per maggioranza"

Luce verde ai negoziati formali per formare una Grosse Koalition con i conservatori: 362 favorevoli e 279 contrari

Iraq, ondata di autobombe a Baghdad

Cittadina tedesca affiliata all'Isis condannata a morte in Iraq

È la prima volta che il Paese emette una sentenza di questo tipo nei confronti di una donna europea

Papa Francesco in Perù

Pedofilia, O'Malley critica il Papa: "Addolora sua difesa di Barros"

Il cardinale di Boston presidente della commissione della Santa sede contro gli abusi sui minori prende le distanze da Bergoglio