Lunedì 05 Settembre 2016 - 08:00

Nessun accordo sulla crisi in Siria tra Stati Uniti e Russia al G20

I negoziatori non sono riusciti a superare le differenze

Nessun accordo sulla Siria tra Stati Uniti e Russia al G20

Al G20 in Cina nessuna intesa tra Stati Uniti e Russia sulla Siria. A riferirlo è la Cnn, citando fonti americane. Il presidente degli Usa Barack Obama e il suo omologo russo Vladimir Putin si sono incontrati per porre fine alla violenza, ma i colloqui si sono conclusi in un nulla di fatto. I due leader si sono incontrati a margine del G20, secondo quanto riferito da un portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale americano.

 Uno scambio di vedute dopo che i colloqui erano terminati tra il Segretario di Stato americano John Kerry e il suo omologo russo Sergey Lavrov, che avevano lavorato per negoziare un piano che avrebbe rafforzato la cooperazione militare tra i due Paesi, nel tentativo di individuare i terroristi e prevenire la morte di civili.

Ma i negoziatori non sono riusciti a superare le differenze, e le trattative sono ferme per ora. "Ci sono ancora problemi da risolvere" ha riferito un funzionario degli Stati Uniti. Nessuna delle due parti ha indicato quali sono stati i punti di contrasto, o quando si aspetta che possano riprendere i colloqui.

 

PUTIN: IO CANDIDATO? PREMATURO DIRLO. Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che è "assolutamente prematuro" dire ora se si candiderà alle presidenziali in Russia ne 2018. Lo ha riferito Bloomberg. "Una nuova generazione di politici con un nuovo presidente? Sì, è possibile. Credo che un leader futuro debba essere abbastanza giovane, ma maturo", ha aggiunto.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Israeli security forces arrest Palestinian men following clashes outside Jerusalem's Old city

Hamas inneggia all'assassino dei coloni. Israele arresta il fratello

Dopo gli scontri di ieri e l'attacco di un giovane in Cisgiordania, prosegue il botta e risposta tra le parti

Polizia spagnola arresta quattro persone accusate di jihadismo

Interpol: 173 combattenti dell'Isis pronti ad attacchi in Europa

The Guardian ha visto la lista dei nomi. Sarebbero addestrati, ma non si sa quanti siano già sul continente europeo

Marcia indietro di "The Sun". Napoli esce dalle città pericolose

Un'inchiesta del quotidiano inglese l'aveva messa insieme a Raqqa, Mogadiscio e Caracas. Le proteste

White House spokesman Sean Spicer holds an off-camera briefing (no TV) at the White House in Washington

Trump nomina il capo della comunicazione. Portavoce lascia

Sean Spicer, fedelissimo del presidente si dimette in disaccordo con la scelta del finanziere Anthony Scaramucci