Domenica 20 Novembre 2016 - 12:45

Nella Juve esordisce Kean, è primo Millennial a giocare in serie A

L'attaccante è nato il 28 febbraio 2000 a Vercelli e si è già fatto notare per la sua classe

Il giovanissimo Moise Kean ha esordito con la Juve

C'è chi lo ha definito l'erede di Balotelli e chi è convito che questo ragazzino sia l'astro nascente del calcio italiano. Di sicuro Moise Kean ha molta strada da fare e un talento da fuoriclasse che solo i grandi possono vantare. E' così che al 39' della ripresa di Juventus-Pescara diventa il primo Millennial a esordire in Serie A. L'attaccante nato a Vercelli il 28 febbraio 2000 ha sostituito Mandzukic indossando in campo la maglia bianconera. Moise, un italiano figlio di genitori africani, dieci anni dopo Mario Balotelli si prende il proprio spazio in campionato. Proprio a 'Supermario' è stato paragonato per ruolo, tecnica, velocità, potenza e senso del gol, oltre che per una certa 'esuberanza' non sempre positiva. A parlare di lui è stato anche il dg della Juventus, Giuseppe Marotta, a Premium Sport. "Timore che Raiola porti via Kean prima della firma di un contratto? Spero di no, c'è un rapporto di correttezza e trasparenza con Raiola. Kean ha dalla sua parte tanti anni davanti da professionista, la Juve è una delle squadre più importanti al mondo e non vedo dove potrebbe stare meglio. Poi quello economico è un altro discorso ma io credo che un buon agente debba far ragionare il suo assistito dicendogli che in questo momento il fattore economico deve essere secondario", spiega Marotta.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

SSC Napoli vs Benevento Calcio

Serie A, Napoli straripa. Milan vince, Toro pari / LIVE

I risultati delle partite delle 15.00 della quarta domenica di campionato

Serie A - FC Crotone vs Inter Milan

Serie A, Crotone-Inter 0-2 le pagelle

Ajeti, Skriniar e Handanovic i migliori in campo

Campionato italiano di calcio Serie A TIM - Spal vs Udinese

Tavecchio: "Il calciomercato dovrebbe chiudere prima del campionato"

Il presidente Figc favorevole alla norma introdotta in Premier League. Sul Var: "I tempi lunghi derivano dalla tecnologia, non dagli arbitri"