Venerdì 28 Ottobre 2016 - 14:00

Nel 2016 morti 3.930 migranti nel Mediterraneo

Oim: "13 vittime al giorno, da inizio anno sbarcate in Italia 157mila persone"

Nel 2016 morti 3.930 migranti nel Mediterraneo, in media 13 al giorno

Più di 280 migranti sono annegati nell'ultima settimana nel mar Mediterraneo, sulla rotta tra Libia e Italia, mentre il totale di morti e scomparsi nell'anno nel viaggio verso le coste europee è di 3.930. I dati sono dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che spiega però si tratta di una cifra "minima" che a breve sarà certamente rivista al rialzo, dopo le operazioni di salvataggio e recupero in corso. Al momento il conteggio attuale indica che tra il primo gennaio e ieri, 27 ottobre, sono morte in media 13 persone al giorno.

Secondo i soccorritori, circa il 60% dei corpi di migranti che muoiono nei naufragi non viene recuperato. L'Oim ha fornito anche dati sugli arrivi in Europa: sono 332.046 i profughi entrati via mare nel 2016. Di essi, 169.524 sono sbarcati in Grecia e 157.049 in Italia, dove c'è stato un aumento del 12% rispetto allo stesso periodo del 2015. Tuttavia, la cifra complessiva è pari a meno della metà di quanti furono registrati nello stesso periodo del 2015, quando si superarono i 728mila migranti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Usa, barricato nel market di Hollywood uccide una donna: bloccato

Prima ha sparato alla nonna e alla fidanzata: durante la fuga si è rifugiato nel supermercato prendendo in ostaggio diverse persone. Alla fine si è arreso

TOPSHOT-LIBYA-EU-MIGRANTS-RESCUE

Migranti, Open Arms accusa Libia e Italia. Viminale: "Bugie, li denunciamo"

La nave sbarca in Spagna con a bordo i cadaveri della donna e del bimbo recuperati a largo delle coste della Libia e Josepha, unica sopravvissuta al naufragio

Striscia di Gaza, tensioni e scontri tra palestinesi ed esercito israeliano

Tregua tra Hamas e Israele dopo l'ultimo scontro a fuoco nella Striscia di Gaza

Raggiunto un accordo dopo l'uccisione di un soldato dello Stato ebraico e quattro palestinesi