Martedì 19 Luglio 2016 - 13:00

'Ndrangheta, affiliati clan Raso sostenevano 'Sì Tav' per Terzo Valico

Emerge nell'ambito dell'indagine che ha portato oggi a 40 arresti e due misure interdittive

Terzo Valico, il movimento No Tav contro espropri dei terreni nell'alessandrino

Nell'ambito dell'indagine che ha portato oggi a 40 arresti e due misure interdittive dell'esercizio di pubblico ufficio per 'ndrangheta, in Liguria e Piemonte è stata accertata l'infiltrazione degli appartenenti alla cosca Raso-Gullace-Albanese in sub-appalti già aggiudicati per la realizzazione del Terzo Valico dei Giovi, attualmente in fase di costruzione con l'avvenuta cantierizzazione di siti afferenti al settore ligure/piemontese. Allo scopo di agevolare l'inizio dei lavori alcuni affiliati hanno anche sostenuto la fazione 'Sì Tav'.

La notizia arriva mentre il movimento No Tav contro il Terzo Valico lotta per impedire gli espropri di alcuni terreni nell'alessandrino, perché considera l'opera inutile, costosa e impattante. 
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima nevicata a Milano

Neve e ghiaccio su strade e ferrovie. Blocchi in Piemonte e Liguria. Rischi alluvione in Toscana

Situazione complicata per i trasporti nel Nord Ovest. Chiuse autostrade e linee ferroviarie. La spiegazione della parola "gelicidio"

The logo of Thyssen Krupp AG is pictured at the gate one of the ThyssenKrupp steel plant in Duisburg

Thyssen, sette vittime, dieci anni, cinque processi e sei condanne

I numeri di una vicenda atroce. In primo grado l'omicidio con dolo eventuale. Poi diventato colposo con riduzione delle pene: quattro dirigenti italiani in carcere, ma i due tedeschi...

Dopo Vercelli, chieste le telecamere negli asili. Cosa ne pensate?

Alcune famiglie dei bimbi che hanno subito le violenze delle maestre, vogliono che la scuola sia in grado di controllare quello che accade nelle classi. Un sondaggio di LaPresse

Violentata ripetutamente da amico di famiglia: incinta a 11 anni

Arrestato a Barriera di Milano, in provincia di Torino, un uomo di 35 anni che la bambina chiamava zio