Martedì 15 Dicembre 2015 - 09:30

Nba, Rondo dopo insulti gay ad arbitro: Non sono omofobo

Il giocatore dei Kings fa retromarcia dopo che un suo insulto durante una gara aveva portato al coming-out di un arbitro del massimo campionato di basket del mondo

Rajon Rondo, play dei Kings

 Il giocatore di basket Nba Rajon Rondo, stella dei Sacramento Kings, ha replicato in queste ore alle accuse di omofobia, ricevute dopo aver etichettato con pesanti epiteti l'arbitro Bill Kennedy che dopo gli insulti omofobi ha dichiarato di essere apertamente gay. Il playmaker della squadra californiana si è giustificando- come riporta il sito Tmz- dicendo di non essere omofobo e di aver apostrofato l'arbitro a causa di una frustrazione di gioco e non per odio verso i gay.

 

 

Rondo è stato sospeso all'inizio di questa settimana dopo aver imprecato contro l'arbitro Bill Kennedy lo scorso novembre definendolo un "f****to finocchio" mentre stava uscendo dal campo. Da quel giorno Kennedy ha fatto coming out, accendendo ulteriormente i riflettori sulle parole di Rajon Rondo. Tuttavia il giocatore ha puntualizzato: "Le mie azioni durante il gioco erano causate da frustrazione ed emozioni, punto e basta! Non riflettono i miei sentimenti verso la comunità LGBT. Non volevo offendere o mancare di rispetto a nessuno".

 

Il proprietario Kings Vivek Ranadive ha sottolineato: "Il commento di Rajon non rispecchia la cultura dell'organizzazione dei Sacramento Kings o il mondo in cui vogliamo vivere. Ha chiesto scusa, ed è stato sospeso dalla NBA. A nome della squadra, mi scuso con Bill Kennedy per qualsiasi danno questo può aver causato".

 

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Lombardia 2017 - Bergamo - Como - 247 km

Ciclismo, calcio, volley: ecco la tv sportiva su Lapresse.it

Dalla Ciclismo Cup, al Futsal e ai tornei giovanili di calcio. Dal beach volley al pugilato alla Mtb. Con PmgSport, un palinsesto online per chi ama lo sport

Pyeongchang 2018, atleti russi ricorrono al Tas contro l'esclusione dai Giochi

Ieri il provvedimento del Cio dopo il coinvolgimento del Paese nello scandalo doping. Wada: "Decisione consapevole"

Scandalo doping, Russia esclusa da Pyeongchang 2018

Ma alcuni atleti potranno gareggiare ugualmente sotto la bandiera olimpica

Diritti tv, MP & Silva: "Mai avuto rapporti 'riservati' con Galliani"

Il gruppo in una nota: "Ogni riferimento alla MP & Silva apparso sulla stampa è erroneo"