Lunedì 03 Ottobre 2016 - 15:00

Ventura: La gara con la Spagna è importante ma non decisiva

E su Balotelli il ct azzurro dichiara: "Non bastano due mesi per tornare in Nazionale"

Coverciano, conferenza stampa del CT Giampiero Ventura

"Contro la Spagna è una partita importante, delicata ma non decisiva. Ci sono ancora molte partite ma di certo incontriamo i più forti del girone". Lo ha detto Giampiero Ventura, ct della Nazionale, nel corso della conferenza stampa a Coverciano in vista delle due gare di Qualificazione ai Mondiali contro Spagna e Macedonia.

FORMAZIONE TOP SECRET. "Il risultato conta sempre. Tuttavia per ottenerlo si deve dar luogo ad una grande prestazione. Se giochiamo al 99% niente ci è precluso", ha dichiarato ancora Ventura. Tornando alla Spagna, il ct azzurro ha ricordato: "Incontriamo la squadra più forte del girone. Quando penso che hanno perso l'ultima gara di Qualificazione ai Mondiali 23 anni fa credo sia una squadra che non è quella dell'Europeo. Non è cambiata radicalmente negli uomimni ma nel modo di stare in campo". Rispetto alle prime due gare contro Francia e Israele, Ventura ritrova "una squadra con 5-6 partite in più nelle gambe e dal punto di vista fisico sarà più tonica rispetto a quella vista in Israele". Capitolo formazione, per ora ancora tutto top secret: "Per le partite contro Spagna e Macedonia inevitabile che ci siano rotazioni. Sono due impegni molto ravvicinati. In Macedonia non sarà una gara scontata, come non lo era contro Israele".

BELOTTI E IMMOBILE. Quindi Ventura ha risposto ad una serie di domande sui singoli giocatori. "Non ci sono senatori, ma giocatori importanti per la Nazionale che se possono dare un contributo importante sono prioritari. Ho ritrovato qualche giocatore in meno, abbiamo perso Rugani e Pavoletti ma qualcuno lo abbiamo recuperato", ha spiegato il ct. Con Pellè acciaccato contro Spagna e Macedonia possibile spazio a Belotti e Immobile. "Possono giocare insieme, lo hanno già fatto. Sono in un buon momento e saranno sfruttati, giocheranno sicuramente in una delle due partite", ha detto Ventura. Altra pedina fondamentale è Marco Verratti. "Dopo Israele-Italia ha avuto noie fisiche, dobbiamo decidere dove e come impiegarlo. Verratti è un giocatore che va monitorato. Giocando in questa maniera lui e De Rossi sono alternativi". Quindi il ct ha spiegato la convocazione di Darmian "per la difesa a tre visto che siamo in emergenza". Mentre per la sostituzione di Chiellini squalificato. "Abbiamo Ogbonna e Astori che possono giocare sul centrosinistra e non solo. Romagnoli solo sul centorsinistra, oggi vediamo se è possibile recuperarlo", ha spiegato. Infine sull'ecletticità di Florenzi. "Ha giocato ovunque tranne che in porta. Ha tante qualità ma nel nostro contesto è esterno o mezz'ala. Prima o poi dovrà prendere una strada, comunque riuesce sempre a fare bene cambiando spesso ruolo", ha concluso.

CAPITOLO BALOTELLI. Parlando ancora di Balotelli e del suo ottimo inizio di stagione a Nizza, Ventura ha ribadito: "E' tornato a giocare, a segnare e ora deve dare contnuità" alle sue prestazioni. "Non bastano due mesi per tornare in Nazionale", ha concluso Ventura.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

La moglie di Cassano: Addio Verona? Non voleva stravolgere vita mia e dei bimbi

La moglie di Cassano: Addio Verona? Non voleva stravolgere vita mia e dei bimbi

Carolina Marcialis spiega a 'Oggi' i motivi che hanno spinto il suo Antonio a fare dietrofront

Russia, lo stadio Rostov Arena in costruzione

Calcio, Mondiali 2018-22: MP & Silva lancia vendita diritti media in Italia

"Attendo con ansia di impegnarmi con le emittenti italiane", ha dichiarato il ceo Jochen Lösch

Amichevole Juventus vs Barcellona

Calciomercato, Neymar e Mbappé: Psg e Real pronti a fare follie

Due operazioni che da sole potrebbero arrivare a sfiorare gli 800 milioni di euro e battere ogni record

Il Chelsea tenta Candreva. Neymar più lontano dal Barça

Il Chelsea tenta Candreva. Neymar più lontano dal Barça

In Italia l'Inter si prepara ad accogliere Vecino, mentre la Juve è ancora a caccia di un centrocampista