Giovedì 09 Novembre 2017 - 18:00

Nazionale, Ventura si aggrappa ai vecchietti d'Italia per evitare la vergogna

I senatori hanno esperienza e spessore caratteriale per resistere al logorio di una partita doppia in cui ci sarà bisogno di tutto e di tutti

Europei 2012 - La Nazionale Italiana in Allenamento allo Stadio Cracovii

Non ci sono più vie di fuga, chance, esami di riparazione: dentro o fuori, al Mondiale di Russia oppure nella cayenna di una eliminazione che rischierebbe di fare saltare l'intero sistema calcio. L'Italia di Gian Piero Ventura è ridotta così, allo spareggio contro la Svezia, che non ha più Zlatan Ibrahimovic ma che spesso è stata fonte di dispiaceri. Tutto in 180 minuti, primo passaggio a Solna, periferia di Stoccolma, poi Milano: ovviamente, chi sbaglia è perduto e chi perde ha sbagliato.

La Nazionale parte favorita: di poco, ma favorita. Sulla carta, la cifra tecnica degli azzurri è superiore anche se, per evitare altre brutte figure, il ct ha deciso di aggrapparsi alla vecchia guardia. I senatori hanno esperienza e spessore caratteriale per resistere al logorio di una partita doppia in cui ci sarà bisogno di tutto e di tutti. Pure di testa e cuore. Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, De Rossi eccetera eccetera sono la cartina tornasole del pallone italico: a ben considerare, negli ultimi due anni si è costruito poco, troppo poco a dispetto dei proclami, nonostante il nostro calcio non l'Età dell'oro. Capita, questione di cicli.

Sarà determinante la prima gara, un risultato da capitalizzare in vista del confronto di San Siro, confronto da non vivere con l'acqua alla gola e il patema d'amico. La missione Russia va iniziata e definita in Svezia, per rifinirla a Milano: ecco la ragione per la quale l'usato sicuro, in fondo, è la migliore delle soluzioni possibili. Ventura sa che la mancata qualificazione, sia pure dalla porta di servizio, porterebbe al suo licenziamento. Per la verità, non può vivere tranquillo nemmeno il presidente federale, Carlo Tavecchio, che in tempi non sospetti si è già espresso in maniera adeguata sulle conseguenze che avrebbe una bocciatura mondiale. Ci si muove sul crinale di una montagna, è indispensabile che il colpo di vento arrivi dalla parte giusta. Il presuntuoso 4-2-4 ha lasciato il posto al più logico 3-5-2, nella speranza che Verratti finalmente si consacri in maglia azzurra e Immobile 'veda' la porta come in campionato. Se l'Italia fa l'Italia forse siamo in Russia, altrimenti saranno grane. E questo lo sanno tutti, dal ct all'ultimo dei magazzinieri.
 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Fiorentina - Atalanta

Calciomercato, Gomez strizza l'occhio alla Lazio. United tenta Perisic

Il Napoli vuole Suso ma il Milan è pronto a blindare il suo gioiello

Liverpool v AS Roma File Photo

Incidenti Liverpool-Roma: tifoso dei Reds aggredito esce dal coma

Buone notizie per il 53enne picchiato da un gruppo di giallorossi prima della semifinale di andata di Champions

FBL-WC-2018-MATCH50-FRA-ARG

Inter su Di Maria se Perisic va allo United. Hazard apre al Real

Colpo grosso in cantiere per fronteggiare la nuova Juve con CR7

FBL-WC-2018-MATCH62-CRO-ENG

Manchester United su Perisic, Darmian fra Juve e Inter

Per la stampa inglese la trattativa sul giocatore croato è già in fase avanzata