Giovedì 24 Dicembre 2015 - 23:00

Natale al Maxxi di Roma: mostre in corso e anticipazioni 2016

Tutto quello che c'è da sapere per delle feste all'insegna di arte e cultura

Museo di arte contemporanea Maxxi a Roma

E' "formato MAXXI" l'offerta natalizia del Museo nazionale delle arti del XXI secolo, che sarà aperto la vigilia di Natale (fino alle 17); il 26 dicembre, giorno di Santo Stefano (regolarmente fino alle 22 come ogni sabato); il 31 dicembre (fino alle 17); a Capodanno e il 6 gennaio, giorno dell'Epifania (regolarmente fino alle 19). Chiuso invece il 25 dicembre, giorno di Natale e, come di norma, i lunedì. Il museo lancia anche un'idea regalo per Natale con la card myMAXXI, l'abbonamento che consente l'accesso illimitato per un anno e una serie di sconti e agevolazioni (tutte le informazioni su www.fondazionemaxxi.it).

 

Queste le mostre in corso.

ISTANBUL. Passione, gioia, furore è un tumulto di suoni, video, fotografie, mappe, progetti, installazioni che raccontano la città, affascinante e controversa, secondo la visione di artisti e architetti: le proteste, i conflitti, le contraddizioni ma anche la speranza.

Toccante e commovente CÉSAR MENEGHETTI. I\O_ IO È UN ALTRO che parla di inclusione attraverso video e audio installazioni ad alta tecnologia.

Un fiore gigante che respira, una foresta di scolapasta, armi che diventano strumenti musicali sono alcune delle opere della mostra TRANSFORMERS, protagonisti gli artisti/designer Choi Jeong-hwa, Didier Fiuza Faustino, Martino Gamper, Pedro Reyes, visionari, creativi, sognatori.

OLIVO BARBIERI. Immagini 1978- 2014 è una grande retrospettiva dedicata al maestro della fotografia con oltre cento opere che raccontano grandi metropoli in trasformazione ma anche le periferie italiane e un progetto site specific.

ROMA 20-25. Nuovi cicli di vita per la metropoli presenta idee e proposte per la Roma del futuro elaborate da 473 studenti e 100 docenti di 25 università di tutto il mondo.

MAXXI ARCHITTURA. Nuove Acquisizioni, al Centro archivi, espone in particolare 10 incisioni e litografie di Giovanni Michelucci, da poco entrate a fa parte della collezione.

Al Corner D, D.A.B. presenta i 34 migliori progetti creativi, prototipi di oggetti per art-shop e bookshop, di 24 giovani designer che hanno partecipato a DAB6.

Infine, la COLLEZIONE di arte e architettura del MAXXI, cuore del museo, libera e permanente: oltre 30 lavori d'arte e 21 progetti di architettura esposti stabilmente dallo scorso 10 ottobre, con ingresso libero per tutti dal martedì al venerdì, anche grazie a Enel.

 

Le prime mostre del 2016.

La programmazione 2016 del MAXXI è in linea con il progetto culturale avviato nel 2013 e risponde a un'idea di museo aperto e protagonista del dibattito culturale, sociale e politico del mondo contemporaneo: un laboratorio di futuro, Da febbraio le prime novità.

Si comincia con la mostra dedicata a JIMMIE DURHAM, (USA, 1940) - artista, poeta, attivista politico, tra le figure più interessanti dello scenario internazionale - che presenta quattro lavori, due audio e due video, realizzati tutti in Italia.

Sempre a febbraio prende il via PIERLUIGI NERVI. Architetture per lo sport che attraverso disegni, materiali d'archivio, fotografie d'epoca, elaborazioni grafiche originali e modelli illustra dieci progetti di Nervi per gli stadi in Italia e all'estero.

Anche nel 2016 prosegue il progetto ALCANTARA-MAXXI, alla quinta edizione, che questa volta racconta il confronto tra Oriente e Occidente, mettendo in relazione dieci capitali delle due macro sfere geo-politiche interpretate da nove autori (febbraio 2016).

A marzo sarà la volta del progetto AMOS GITAI. Cronaca di un assassinio annunciato, che nasce dal film presentato nella sua versione integrale alla mostra del cinema di Venezia, Rabin the last day: omaggio a Itzhak Rabin a vent'anni dalla sua morte e tentativo di ritrarre la crescente crisi della società israeliana di oggi.

Dedicati alla promozione e al sostegno dei giovani talenti in architettura e in arte due progetti ormai consolidati YAP MAXXI 2016 (da giugno, finalisti Parasite 2.0, Angelo Renna, de Gayardon Bureau, Demogo e Deltastudio) e PREMIO MAXXI 2016, vinto nella scorsa edizione da Marinella Senatore con il progetto performatico The School of Narrative Dance, che si è svolto nella struttura realizzata dal collettivo londinese Assemble, vincitore quest'anno del prestigioso Turner Przie. Finalisti dell'edizione 2016 e in mostra da settembre: Riccardo Arena (1979), Ludovica Carbotta (1982), Adelita Husni-Bey (1985), ZAPRUDER (1998). Tra i protagonisti della mostre del 2016, inoltre: Sislej Xhafa, Superstudio, Alvaro Siza e molti altri.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Prima della Scala, Andrea Chénier di Umberto Giordano inaugura la stagione

La Prima della Scala di Milano, tra vip e proteste

Inaugura la stagione scaligera 2017/2018 con Andrea Chénier, l'opera di Umberto Giordano

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità

Trasmissione "Che Tempo Che Fa"

Molestie, Fabio Volo: "Da giovane mi difesi da avance, ma per le donne non è semplice"

A Radio Rai 1 l'artista racconta uno spiacevole episodio che risale agli anni in cui era un giovane cantante