Venerdì 16 Dicembre 2016 - 08:00

Napolitano sfida Boldrini: Ministra è orribile e sindaca abominevole

La presidente della Camera insiste: "I nomi vanno declinati"

Napolitano sfida Boldrini: Termine 'ministra' orribile e 'sindaca' abominevole

"Sono certo che Valeria Fedeli non me ne vorrà se io insisto con una licenza che mi sono preso da molto tempo: quella di reagire alla trasformazione della lingua italiana con l'orribile appellativo di ministra o l'abominevole appellativo di sindaca. La chiamerò signora presidente come chiamavo Nilde Iotti. Penso che alla mia età qualche licenza mi sia concessa". A dire la sua senza mezze misure su una questione delicata come quella del linguaggio di genere è il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, rivolto alla presidente della Camera Laura Boldrini e a Valeria Fedeli, titolare del ministero dell'Istruzione, alla consegna del Premio De Sanctis per la saggistica ricevuto per il suo 'Europa politica e passione'. La sala scoppia in un applauso, mentre a reagire è proprio Boldrini, notoriamente sostenitrice della declinazione al femminile dei termini per le cariche istituzionali e professionali. "Questo è un tradimento, allora mi ridai la targa", dice con un sorriso Boldrini, che lo ha appena premiato. Ma lui insiste: "Continuerò a chiamarti ancora presidente come chiamavo Nilde Iotti e spero che alla mia età qualche licenza rispetto alle mode mi sia concessa". Lo scambio di battute finisce tra gli applausi e qualche risata, ma al termine della cerimonia Boldrini, pur sorridendo, precisa: "Il presidente Giorgio Napolitano ha le sue idee che rispetto, ma io penso che i nomi vadano declinati. La società cambia e deve cambiare anche il linguaggio - sottolinea -. Nessuno mette in dubbio che si possa dire contadina, allora non vedo perché non si debba anche usare lo stesso metro quando si sale la scala sociale".

Scritto da 
  • Antonella Scutiero
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bormio, il comizio di Matteo Salvini

Ius soli, Lega contro Papa: Lo faccia in Vaticano

Il centrodestra, senza entrare nel merito, prende le distanze dalla legge, mentre la Lega è durissima

Paolo Gentiloni al Meeting di Rimini 2017

Terrorismo, Gentiloni: Nessuno salvo, non rinunceremo a libertà

All'indomani delle minacce Isis all'Italia, il premier e il ministro degli Affari Esteri parlano della sicurezza in Italia

Palazzo Chigi - Consiglio dei Ministri

Ius soli, Gentiloni riapre partita: Conquista di civiltà. Salvini: Follia

"Diventando cittadini italiani si acquisiscono diritti ma anche doveri", dice il premier. Durissima la risposa della destra

Ministero dell'Interno. Firma del "Patto nazionale per un Islam italiano"

Terrorismo, due marocchini e un siriano espulsi da Italia

Con questi rimpatri, 70 nel solo 2017, salgono a 202 i soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso espulsi