Venerdì 24 Giugno 2016 - 10:00

Napolitano: Incauto proporre il referendum, colpo duro all'Ue

Secondo il presidente emerito "hanno prevalso elementi emotivi"

Napolitano: Incauto proporre il referendum, colpo duro all'Ue

"E' un colpo molto duro, elemento di grande destabilizzazione economico, finanziario e politico. Bisogna chiedersi quanto sia stato incauto proporre questo referendum su una materia di enorme complessità". Così il presidente emerito della Repubblica, Giorgio Napolitano, intervistato  da Radio Anch'io. Sull'esito del referendum in Gran Bretagna "hanno quindi prevalso elementi emotivi" come i flussi migratori prosegue Napolitano. E sull'idea che il referendum sia stato espressione di democrazia il senatore a vita non ha dubbi: "La democrazia, innanzitutto, e la Gran Bretagna ce lo ha insegnato già  secoli, è il popolo che si esprime anche affidando ai rappresentanti le scelte e le decisioni. Sono i Parlamenti eletti che lavorano sotto il controllo dell'opinione pubblica. I referendum sono strumenti e nella nostra Costituzione non possono essere convocati sui trattati internazionali, perchè temi così complessi non possono essere affidati ad un voto superficiale e impulsivo".
 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Assemblea nazionale "C'è una nuova proposta"

Grasso: "Comandato da D'Alema? Sarò io a guidare Liberi e Uguali"

Il presidente del Senato risponde a Matteo Renzi che lo ha paragonato a Fini

PD - Sit in del Partito democratico sotto la sede dell?Agcom

Fatturazione ogni 4 settimane: stop per legge, ma le Telco vanno avanti

AgCom e Parlamento sono intervenuti, ma le compagnie telefoniche continuano a proporli. Per i consumatori un danno da un miliardo all'anno

Manifestazione contro lo Ius Soli

Sit-in di Salvini contro lo Ius soli: "Cittadinanza a fine percorso, no regalo elettorale". Protestano i migranti

Il comizio a Santi Apostoli tra i sostenitori e le associazioni contro il leader del Carroccio

Matteo Renzi ospite di Porta a Porta

Renzi: "Non faremo un governo con Berlusconi. Grasso e Boldrini sulle orme di Fini"

Il segretario dem all'attacco: "La contesa per il primo partito è tra noi e M5S". E sui presidenti delle Camere: "Ogni voto a Liberi e uguali è regalato alla destra"