Lunedì 09 Maggio 2016 - 20:30

Napoli, trovato il cadavere di una donna in una fossa a Melito

La vittima Giovanna Arrigoli, 41 anni, era scomparsa sabato: è stata uccisa con tre colpi d'arma da fuoco

Donna trovata morta a Melito di Napoli

Giallo nel comune di Melito di Napoli, nell'hinterland partenopeo: in via Giulio Cesare, in una zona campestre praticamente adibita a discarica abusiva, è stato trovato il cadavere di una donna. La vittima si trovava in una fossa dove era adagiata, a faccia in gù, parzialmente coperta da terreno fresco. Sul posto i  carabinieri della compagnia di Giugliano e del nucleo investigativo di Castello di Cisterna per i rilievi di rito, allertati dalla telefonata di un passante che si è trovato davanti la macabra scena.

Le informazioni ricavate dai militari hanno appurato l'identità della donna: la vittima era scomparsa sabato scorso 7 maggio e si chiamava Giovanna Arrigoli, 41 anni. E' stata ritrovata in una zona isolata, dove si trova anche un palazzo abbandonato in passato occupato da rom.  La donna, con precedenti per droga, è stata raggiunta da almeno tre colpi: due l'hanno raggiunta alla testa, una al torace. Gli investigatori non escludono si tratti di una vera e propria esecuzione che potrebbe aprire le porte a una faida di camorra.

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università