Venerdì 22 Aprile 2016 - 12:00

Napoli, tir investe operai sulla statale: due morti e 3 feriti

Il mezzo ha travolto il personale di un'impresa a lavoro per conto di Anas nei pressi di Nola

Nola, tir travolge e uccide operai a lavoro su asse mediano

Un tir ha investito cinque operai che stavano effettuando lavori stradali sulla statale 7bis nel comune di Nola, nel Napoletano. Come riferiscono i vigili del fuoco a LaPresse due di loro sono morti, mentre altri tre sono rimasti feriti e sono ricoverati in codice giallo all'ospedale di Nola. Nell'incidente - sulle cui cause sono in corso accertamenti - il mezzo, probabilmente fuori controllo, ha travolto il personale di un'impresa che per conto di Anas stava eseguendo interventi di pulizia delle cunette.
Al momento sono in azione due autogru per mettere in sicurezza l'autoarticolato.

E ' provvisoriamente chiuso al traffico un tratto della 7/bis 'di Terra di Lavoro' in corrispondenza del km 43,150 - in direzione di Nola - in provincia di Napoli. Il traffico, in direzione di Nola, è attualmente deviato con indicazioni sul posto con uscita obbligatoria verso il C di Nola. Sul posto è presente il personale dell'Anas e delle forze dell'ordine; la regolare circolazione verrà ripristinata nel più breve tempo possibile.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università