Mercoledì 06 Aprile 2016 - 20:00

Scontri a Napoli. Renzi: Bonifica di Bagnoli vale 272 milioni

Il premier in città per un vertice sul futuro del sito. Ferito un agente nei tafferugli, dieci contusi

Napoli, duemila in piazza per il corteo di protesta contro il governo Renzi

Scontri tra manifestanti e forze dell'ordine a Napoli, dove è presente il premier Matteo Renzi per un incontro con al centro il futuro dell'area di Bagnoli. I dimostranti hanno lanciato pietre. Le forze dell'ordine hanno risposto al lancio di sassi con i lacrimogeni e hanno azionato gli idranti. Non era previsto che il corteo passasse per il lungomare. I manifestanti si sono diretti alla sede del quotidiano 'Il Mattino', in cui Renzi è ospite di un forum. Un poliziotto è stato ferito negli scontri questa mattina sul lungomare coi comitati contrari alla cabina di regia su Bagnoli. L'agente è stato ferito da un sampietrino ed è stato portato in ospedale. Oltre a lui altri dieci poliziotti sono rimasti contusi.

RENZI: NOI DECISI SUL PROGETTO DI BONIFICA. "La ripulitura di Bagnoli vale 270 milioni di euro, noi li mettiamo", ha detto il premier in prefettura per la cabina di regia sul sito, precisando che la bonifica sarà completata nel 2019. Per la precisione, si tratta di 272 milioni , di questi fondi, ha spiegato Renzi, ai terreni vanno 162 milioni, al litorale 47,9 milioni e 19 milioni per il mare. 

STOCCATA A DE MAGISTRIS. "Io non sono minimamente interessato alle contrapposizioni. Se questa amministrazione avesse fatto quello che doveva non ci sarebbe stato il commissariamento", ha detto il premier durante la sua visita al 'Mattino', commentando la mancata partecipazione annunciata dal sindaco Luigi De Magistris in prefettura. 

"Il mio sostegno come ovvio è alla candidata del mio partito, Valeria Valente. Poi il governo offre questo progetto a tutta Napoli. Noi abbiamo un concetto solido e sano delle istituzioni, non sottoponiamo alla simpatia la collaborazione con i territori. Noi non facciamo questo progetto e poi vediamo cosa succede alle amministrative. Noi invitiamo il Comune di oggi, di domani e di dopodomani a sedersi al tavolo come vogliono le regole della democrazia", ha ribadito il premier.

"Via Matteo Renzi. Non è una strada, è un invito". Poi l'immagine di un cartello viario e l'hashtag 'StattaCasa!'. La comunità Facebook 'Bagnoli libera' si è preparata così ad accogliere il presidente del Consiglio per la presentazione in prefettura del piano di completamento della bonifica dei suoli dell'aera ex Italsider, commissariata dal governo. La mobilitazione cittadina è partita alle 11 con un corteo da piazza Dante, con una tappa alle 16 in Galleria Umberto I. L'arrivo del premier in prefettura è previsto per le 18, prima, verso le 16.30, la visita del premier alla redazione de Il Mattino. Il tam-tam sulla rete corre sotto l'appello "Respingiamo il sacco di Bagnoli e le politiche neoliberiste del governo Renzi" e le adesioni alla pagina sono quasi 3mila.

Anche il Movimento 5 Stelle, con il deputato campano Roberto Fico, ha organizzato un presido in piazzetta Augusteo, e un altro è stato invece preparato dai call center di Gepin e Almaviva, società che hanno annunciato 620 esuberi tra Napoli e Casavatore. Sullo sfondo, le polemiche tra il premier e il sindaco di Napoli De Magistris. Alla direzione del Pd di lunedì Renzi ha attaccato il primo cittadino: "Se in cinque anni avesse fatto qualcosa per l'area ex Italsider di Bagnoli, non ci sarebbe stato bisogno dell'intervento del governo". E di rimando l'ex pm: "Bagnoli e petrolio in Basilicata, vicende molto simili con interessi privati".

Loading the player...
Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Salerno, De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

De Luca assolto con altri 41 imputati: Non sono impresentabile

Il governatore campano ed ex sindaco di Salerno, a processo per la vicenda Sea Park, dopo la sentenza attacca Rosy Bindi

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

Referendum, Renzi: Voti di destra decisivi, inutile girarci intorno

"La sinistra, ormai, è in larghissima parte con noi"

Roma 2024, Campidoglio approva mozione per No a candidatura

Roma 2024, Campidoglio approva mozione per No a candidatura

I votanti erano 42: favorevoli 30, contrari 12, nessun astenuto