Mercoledì 29 Luglio 2015 - 10:00

Napoli, si fingevano poliziotti e rapinavano case: 13 persone in manette

IMG

Napoli, 29 lug. (LaPresse) - I carabinieri del nucleo investigativo di Napoli stanno dando esecuzione a un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip a carico di 13 persone ritenute responsabili di associazione a delinquere finalizzata a furti e rapine in abitazione aggravate dall'aver portato armi e dall'essersi spacciati per pubblici ufficiali.

 

Nel corso di indagini coordinate dalla Procura partenopea, i militari hanno accertato che gli arrestati facevano parte di due distinti gruppi criminali tra loro in contatto che agivano con modus operandi identico: entravano di notte nelle case prese di mira travestiti da appartenenti alle forze dell'ordine con segni distintivi e casacche simili a quelle in dotazione ed esibivano falsi decreti di perquisizione, iniziando a rovistare in stanze e mobili alla ricerca di soldi e oggetti di valore da portare via.

 

I carabinieri hanno potuto identificare alcuni degli uomini, e da questi gli altri complici, tramite un filmato scaricato da un circuito di video sorveglianza installato nella casa di una delle vittime.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Crollo ponte Genova, il giorno dopo

Crollo ponte Genova, Coltorti: "Investire su controllo e rinnovo"

Il geologo che avrebbe dovuto avere il Mit in un governo solo M5s analizza la tragedia sul Morandi

Antimafia, commemorazione del giudice Paolo Borsellino alla biblioteca comunale

Morta Rita Borsellino, sorella di Paolo, magistrato ucciso dalla mafia

L'europarlamentare si è spenta a 73 anni a Palermo dopo una lunga malattia

Tanti giovani, tante storie spezzate sul ponte crollato

I ragazzi di Torre del Greco, i tre francesi in Italia per un Teknival. I fidanzati che partivano per le vacanze e tanti che andavano al lavoro

Genova, crolla ponte sull’A10

Crollo ponte Morandi, viabilità modificata in Liguria: vie alternative

I milioni di veicoli che ogni anno vi transitavano dovranno utilizzare altri itinerari, appesantendo la rete autostradale