Venerdì 26 Agosto 2016 - 19:30

Napoli, polizia insegue malviventi: scatta sparatoria

I due si sono dati alla fuga prima in moto e poi a piedi

Napoli, polizia insegue malviventi: scatta scontro a fuoco

Dall'inseguimento alla sparatoria. Gli agenti del Commissariato di Polizia Vicaria Mercato a Napoli, durante la notte scorsa, hanno inseguito 4 persone sospette a bordo di due moto e ne è nato un conflitto a fuoco. I quattro, dopo l'alt della polizia, si sono dati alla fuga. I poliziotti hanno inseguito i due occupanti di un Honda Sh ma il passeggero a un certo punto ha minacciato gli agenti puntando loro contro una pistola estratta dalla cintola.

Durante l'inseguimento, tra i quartieri Forcella e Decumani, i malviventi hanno sparato contro l'auto della polizia tre colpi d'arma da fuoco, e i poliziotti hanno risposto. Poco dopo i due, in largo dei Santi Apostoli, hanno abbandonato la moto e la pistola sul selciato, scappando a piedi.

La polizia ha effettuato controlli a tappeto nella zona e proseguono le indagini per poter identificare i due. La moto è stata sottoposta a sequestro, insieme alla pistola, una Taurus a tamburo, risultata rubata un'anno fa in Scampia. La pistola aveva esploso tre colpi calibro 44.

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bussolengo, è morto Blanco: era il leone bianco più vecchio d'Europa

In Africa esistono solo duecento esemplari di questa specie identificata solo nei primi anni del 1900

Sequestrati due impianti del petrolchimico di Siracusa

Sequestrati due impianti del petrolchimico di Siracusa

Riconosciuto dal gip un "significativo contributo al peggioramento della qualità dell'aria dovuto alle emissioni"

Infront, Riesame: Capacità imprenditoriali di Silva indiscusse

Silva, indiscusse capacità imprenditoriali per tribunale Riesame

Respinta la richiesta di arresto nei confronti di Silva, Bogarelli e Ciocchetti

Infront, Riesame: niente carcere per Silva e Bolgarelli

Infront, Riesame: evanescenti accuse per Silva e Bogarelli

Per il gip i manager non avrebbero fatto parte di un'associazione a delinquere. La decisione nell'ambito dell'inchiesta sull'assegnazione dei diritti tv della serie A