Giovedì 05 Maggio 2016 - 17:30

Nonna Antonio Giglio: Temo sia stata la mamma a ucciderlo

I sospetti della signora Dora ai microfoni di 'Pomeriggio 5'

Napoli, nonna di Antonio Giglio: Temo sia stata la mamma a ucciderlo

"Cos'è successo? Non lo so. Non credo più a quello che hanno detto finora, ora che si è saputo che Fortuna è stata uccisa io non so cosa pensare". Così ai microfoni di 'Pomeriggio 5', trasmissione di Barbara D'Urso, la signora Dora, la nonna di Antonio Giglio, l'altro bambino morto in circostanze misteriose nel Parco Verde di Caivano. "Marianna, la mamma di Antonio, come ha potuto fare quello che ha fatto? Dire tutte quelle bugie? Non ha un cuore. Io ho paura che sia stata lei a buttare giù suo figlio".

"Non abbiamo mai sospettato quello che accadeva in quel palazzo. Per noi Antonio è un angioletto", dice la zia di Antonio. Poi nonno Andrea ricorda il giorno della tragedia: "Ci hanno telefonato, siamo corsi all'ospedale Santobono, ma era già morto - ricorda - c'era il commissario di Afragola e ci hanno chiesto dove eravamo al momento della tragedia".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Bari, conferenza dopo operazione antiterrorismo

Camorra, arrestate le donne del clan: sorella e cognate del boss Zagaria

Da quando gli uomini sono in carcere, sono loro a guidare il crimine organizzato

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università