Giovedì 05 Maggio 2016 - 17:30

Nonna Antonio Giglio: Temo sia stata la mamma a ucciderlo

I sospetti della signora Dora ai microfoni di 'Pomeriggio 5'

Napoli, nonna di Antonio Giglio: Temo sia stata la mamma a ucciderlo

"Cos'è successo? Non lo so. Non credo più a quello che hanno detto finora, ora che si è saputo che Fortuna è stata uccisa io non so cosa pensare". Così ai microfoni di 'Pomeriggio 5', trasmissione di Barbara D'Urso, la signora Dora, la nonna di Antonio Giglio, l'altro bambino morto in circostanze misteriose nel Parco Verde di Caivano. "Marianna, la mamma di Antonio, come ha potuto fare quello che ha fatto? Dire tutte quelle bugie? Non ha un cuore. Io ho paura che sia stata lei a buttare giù suo figlio".

"Non abbiamo mai sospettato quello che accadeva in quel palazzo. Per noi Antonio è un angioletto", dice la zia di Antonio. Poi nonno Andrea ricorda il giorno della tragedia: "Ci hanno telefonato, siamo corsi all'ospedale Santobono, ma era già morto - ricorda - c'era il commissario di Afragola e ci hanno chiesto dove eravamo al momento della tragedia".

 

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto