Domenica 07 Febbraio 2016 - 18:00

Napoli-Juventus; supersfida tra due squadre stanche

In attesa della partitissima, una giornata di pareggi e vittorie di misura

I bianconeri festeggiano Dybala dopo il gol

Alla partitissima di sabato prossimo, che molti osservatori sono propensi a etichettare come una sorta di Giudizio Universale, Napoli e Juventus arrivano con il distacco di due punti, come se questa domenica non fosse successo niente. Invece qualcosa è successo e, non a caso, le due vittorie - per nulla facili - hanno fornito segnali abbastanza chiari.

Allo Stadium si affronteranno due formazioni stanche, fiaccate dalla necessità di non perdere un colpo (il Napoli) e dal dovere di vincere sempre (la Juventus) per recuperare il terreno perduto all'inizio della stagione. Stabilire adesso chi stia meglio e chi stia peggio è un esercizio abbastanza complicato, di sicuro però la lista degli infortunati bianconeri, ultimo Giorgio Chiellini, fa arricciare il naso.

La quattordicesima vittoria consecutiva della Juventus, sul campo del Frosinone, si è materializzata solo nel secondo tempo e non è un caso che a schiodare l'equilibrio del match sia stato Cuadrado, già decisivo mercoledì scorso contro il Genoa con l'assist che De Maio ha trasformato in autogol. Il colombiano è formalmente una riserva, così come Sturaro e (quasi) Alex Sandro: tutti e tre sono stati i migliori, assieme a Dybala, giunto al tredecesimo gol in campionato. Come si arrangerà Allegri, in difesa e a centrocampo, per ora è un mistero: il ritorno di Pereyra dopo mesi di assenza è una buona notizia, ma basterà? L'ottava di fila del Napoli si è avvitata su un calcio di rigore (netto), con il Carpi in inferiorità numerica per l'espulsione (fasulla) di Bianco. Non una prestazione eccezionale, quella dei partenopei, che sulla carta avrebbero potuto e dovuto schiantare una neopromossa. Al contrario, il Napoli ha faticato, pressappoco come la Juventus. La legnata di Higuain dal dischetto ha risolto tutto, o nascosto tutto. Per Sarri vale lo stesso discorso di Allegri: ha a disposizione cinque giorni per preparare l'incontro, con il plus di poter annichilire le velleità juventine in caso di successo. Cinque punti e lo scossone psicologico sarebbero tanta roba.

Il resto? Pareggi strani e strambi per le milanesi, entrambi in rimonta. Dopo essere passata in vantaggio, l'Inter si è trovata nella condizione di dover rimontare due gol al Verona; il Milan, sotto contro l'Udinese, deve ringraziare ancora una volta Niang, al terzo gol consecutivo. La crisi del Torino sembra non avere fine: il Chievo è passato all'Olimpico senza sbattersi più di tanto, dopo essere andato sotto (rete di Benassi). Tra Palermo e Sassuolo è finita in pareggio (2-2), tra emozioni e svarioni.

 

Scritto da 
  • Vittorio Oreggia
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

AS Roma, le visite mediche del nuovo giocatore Steven N'Zonzi

Roma, ufficiale l'acquisto di Steven Nzonzi. Inter, Spalletti confermato fino al 2021

Il centrocampista francese di origini congolesi prelevato dal Siviglia per 26,6 milioni. Marlon, dal Barca, per il Sassuolo

FBL-WC-2018-SEN-TRAINING

Calciomercato, Inter-Keita ufficiale. Psg sfida la Roma per N'Zonzi

Sul fronte Juve, la stampa spagnola sicura: i bianconeri preparano l'assalto a Marcelo

Torino vs Cosenza - Coppa Italia 2018/2019 Terzo turno

Coppa Italia, stop per 4 squadre di serie A. Ok Toro e Sassuolo

Eliminate Udinese, Empoli, Frosinone e Parma. A fatica Samp e Chievo

FBL-WC-2018-OPENING-CEREMONY

Ronaldo ricoverato a Ibiza: in ospedale per una polmonite

Le condizioni dell'ex attaccante di Milan e Inter sarebbero già in netto miglioramento