Sabato 19 Agosto 2017 - 20:00

Codice rosso, muore dopo 4 ore di attesa. Il padre: Giustizia

La denuncia del consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli

Ebola, italiano contagiato: paziente verso lo Spallanzani

Un ragazzo di 23 anni, ricoverato in codice rosso dopo un incidente stradale al pronto soccorso dell'ospedale Loreto Mare di Napoli, è morto dopo aver atteso 4 ore per il trasferimento in un altro istituto ospedaliero. Il giovane è deceduto il giorno dopo il ricovero.

A denunciare l'accaduto il consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli che su Facebook scrive: "Ritardata assistenza è fatto gravissimo, occorre fare luce su accaduto e punire severamente eventuali colpevoli. Chiederò al direttore dell'ospedale Loreto Mare di avviare un'indagine interna per fare luce sulla gravissima vicenda". "La denuncia di ritardata assistenza, - continua - firmata proprio dal responsabile del pronto soccorso Alfredo Pietroluongo, parla chiaramente di oltre quattro ore trascorse tra l'arrivo in codice rosso al Loreto Mare, la stabilizzazione del paziente e il successivo trasferimento al Vecchio Pellegrini per di più senza ambulanza rianimativa. Un fatto gravissimo che deve essere approfondito in modo capillare poiché occorre comprendere la natura di questo ritardo e verificare se lo stesso abbia compromesso ulteriormente il quadro clinico del ragazzo già complesso".

"Io voglio giustizia, voglio sapere chi ha ucciso mio figlio. Non si trattano così le persone". È l'urlo di dolore di Raffaele Scafuri, padre di Antonio. "Nelle ore successive - ricorda - era freddo, era morto da tanto tempo, non ci hanno detto nulla".

Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università

Napoli, appalti truccati al Cardarelli: nuovo arresto per Alfredo Romeo

Ai domiciliari anche il manager dell'ospedale partenopeo Ciro Verdoliva

Roma, alunno muore nell'Istituto Santa Maria, in Via Tasso

Camorra, maxi blitz contro i Mallardo, clan che investiva a Firenze

Arresti e sequestri tra la Campania e la Toscana