Lunedì 28 Dicembre 2015 - 13:45

Napoli, gdf sequestra 160mila prodotti contraffatti

Scoperti tre depositi di stoccaggio vicino all'aeroporto

Abiti contraffatti

I militari della guardia di finanza di Napoli hanno smantellato un consistente canale di importazione nella zona Porto, individuando un attrezzato opificio abusivo nel quartiere Forcella e scoprendo 3 voluminosi depositi di stoccaggio nelle zone adiacenti all'aeroporto di Capodichino.
In queste operazioni, sono stati sequestrati complessivamente oltre 160mila prodotti falsificati o insicuri, tra cui soprattutto capi di abbigliamento invernale riportanti noti marchi, per un valore di mercato complessivo che si aggira intorno al milione di euro.

E' stata intercettata, tra l'altro, una considerevole spedizione di 87mila giocattoli contraffatti e pericolosi provenienti dalla Cina, che sarebbero andati a riempire le strenne natalizie e le confezioni di regali per l'Epifania, mettendo gravemente a repentaglio la salute dei bambini.
Sono stati segnalati all'autorità giudiziaria gli 8 responsabili degli illeciti traffici e sottoposti a sequestro i siti di stoccaggio, l'opificio e i macchinari industriali utilizzati per fabbricare i prodotti contraffatti.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Nevicata in Piemonte - Disagi sulla A32 Torino Bardonecchia

Liguria, treno bloccato per il maltempo: 400 passeggeri al freddo

Il convoglio è rimasto fermo dalle 17 di domenica pomeriggio per circa 4 ore, a causa del fenomeno del gelicidio

Prima nevicata a Milano

Maltempo in arrivo in tutta Italia: allerta in Emilia Romagna, Liguria, Toscana

Calano le temperature. Attese pioggia e neve, attenzione per pericolo valanghe

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

È morto monsignor Antonio Riboldi, vescovo antimafia

Lo comunica la Curia di Acerra. Aveva 94 anni. Disse: "Meglio ammazzato che scappato dalla camorra"