Giovedì 19 Maggio 2016 - 12:00

Napoli, evasero 4 milioni di Iva: eseguiti 6 sequestri preventivi

I reati contestati sono di omesso versamento dell'imposta e indebita compensazione

Napoli, evasero 4 milioni di Iva: eseguiti 6 sequestri preventivi

I reparti della guardia di finanza di Napoli e Aversa hanno dato esecuzione a sei decreti di sequestro preventivo emessi dal Gip del tribunale di Napoli nei confronti degli amministratori di società con sede nelle province di Napoli e Caserta che, nel periodo compreso tra 2010 e 2015, hanno evaso l'Iva per circa 4 milioni di euro. Lo rende noto la procura del tribunale di Napoli Nord.

Le sei società coinvolte sono un istituto di vigilanza privata di Qualiano, una società di recupero e trattamento rifiuti industriali di Giugliano in Campania, una società di Carinaro che commercializza all'ingrosso computer e software, un'impresa edile di Villa Literno, una società di Casoria operante nel settore del 'verde'e una società di produzione e distribuzione di profumi con sede a Casavatore. I reati contestati sono di omesso versamento dell'Iva e indebita compensazione.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto