Lunedì 17 Ottobre 2016 - 08:45

Napoli, depositi illegali di rifiuti pericolosi: 69 denunciati

L'operazione ha portato al sequestro e sospensione di ben 34 attività

Napoli, depositi incontrollati di rifiuti pericolosi: 69 denunciati

Olio esausto di officine meccaniche e acque reflue di autolavaggi o di attività per la lavorazione di pellame sversati direttamente nelle fogne pubbliche. Fumi ed esalazioni pericolose di autocarrozzerie immesse in atmosfera, senza alcuna protezione e autorizzazione. È quanto accertato dai carabinieri di Napoli e Caserta nel corso di servizi organizzati per evitare sversamenti illeciti e tutelare l'ambiente nei territori delle due province. I controlli hanno portato alla denuncia di 69 persone per reati ambientali e al sequestro o sospensione di ben 34 attività che operavano illegalmente.

I carabinieri hanno scoperto anche 3000 gomme usurate depositate in maniera incontrollata e centinaia di sacchi contenenti scarti di lavorazioni tessili tenuti a deposito negli opifici in attesa di smaltimento irregolare (dei formulari previsti dalla Legge per il carico e lo scarico dei rifiuti nessuna traccia). Inoltre sono state individuate attività di vario tipo con lavoratori a nero, senza alcuna forma di tutela assistenziale e previdenziale.

In dettaglio, fra gli altri casi, a San Giovanni a Teduccio è stata scoperta un'azienda per la creazione di borse senza autorizzazione sanitaria e con 4 lavoratori a nero. E' stato adottato il divieto d'uso dei locali.

A Giugliano in Campania sono stati denunciati un geometra e un operaio già noti alle forze dell'ordine, direttore dei lavori e impiegato di una ditta appaltatrice di lavori presso uno store in allestimento in un centro commerciale. I 2 sono responsabili di aver realizzato una discarica abusiva a cielo aperto sversandovi i rifiuti provenienti dai lavori.

Tre cittadini di Villaricca avevano allestito 3 attività di carrozzeria e di elettrauto in immobili abusivi, il tutto senza alcuna autorizzazione per lo scarico dei rifiuti reflui, per l'emissione in atmosfera e per lo smaltimento dei rifiuti. Le attività sono state sequestrate.

Due cittadini di Villaricca sono ritenuti responsabili di abusivismo edilizio e scarico abusivo in fogna in qualità di gestori di un parcheggio/lavaggio. Un'area di 1500 mq era stata adibita abusivamente a parcheggio con la realizzazione di immobili abusivi inerenti l'attività e con lo sversamento illegale delle acque reflue direttamente nella rete fognaria pubblica.

A Qualiano un calzaturificio era stato avviato abusivamente in un seminterrato. Le acque reflue andavano direttamente nelle fogne. Sono state riscontrate anche emissioni in atmosfera pericolose e nel seminterrato sono stati trovati rifiuti di ogni genere. A San Giuseppe Vesuviano, denunciato è stato denunciato il titolare di un'officina per la lavorazione di metalli sprovvisto di formulario per lo smaltimento dei rifiuti e dell'autorizzazione a immettere i fumi in atmosfera.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Savona, tir travolge cantiere in autostrada: morti sul colpo due operai, cinque feriti

Savona, tir travolge cantiere in autostrada: morti sul colpo 2 operai, arrestato l'autista

Le vittime stavano lavorando sulla A10. Il mezzo pesante ha sbandato e investito le persone

Mafia, scritte contro don Ciotti a Palermo: Sbirri siete voi, assassino

Altre scritte contro don Ciotti: Sbirri siete voi, 'secondino'

Oggi a Palermo, la scorsa settimana altri messaggi contro il sacerdote a Locri. Preso di mira anche Dalla Chiesa

MSC Anzu container vessel is seen at Cocoli locks as it becomes the 1,000th vessel to navigate through of the newly expanded Panama Canal on the outskirts of Panama City

Rimini, cadavere in valigia: potrebbe essere la donna scomparsa in crociera

Il 20 febbraio scorso dalla nave sono scesi il marito e i due figli di 6 e 4 anni, ma della donna nessuna traccia.

Camorra, detenuto evade del carcere: catturato nel casertano

E' finito nuovamente in cella Alessandro Menditti, evaso a Frosinone il 18 marzo scorso. Ritenuto vicino ai vertici del clan di camorra Belforte, era ricercato in tutta Italia.