Lunedì 17 Ottobre 2016 - 08:45

Napoli, depositi illegali di rifiuti pericolosi: 69 denunciati

L'operazione ha portato al sequestro e sospensione di ben 34 attività

Napoli, depositi incontrollati di rifiuti pericolosi: 69 denunciati

Olio esausto di officine meccaniche e acque reflue di autolavaggi o di attività per la lavorazione di pellame sversati direttamente nelle fogne pubbliche. Fumi ed esalazioni pericolose di autocarrozzerie immesse in atmosfera, senza alcuna protezione e autorizzazione. È quanto accertato dai carabinieri di Napoli e Caserta nel corso di servizi organizzati per evitare sversamenti illeciti e tutelare l'ambiente nei territori delle due province. I controlli hanno portato alla denuncia di 69 persone per reati ambientali e al sequestro o sospensione di ben 34 attività che operavano illegalmente.

I carabinieri hanno scoperto anche 3000 gomme usurate depositate in maniera incontrollata e centinaia di sacchi contenenti scarti di lavorazioni tessili tenuti a deposito negli opifici in attesa di smaltimento irregolare (dei formulari previsti dalla Legge per il carico e lo scarico dei rifiuti nessuna traccia). Inoltre sono state individuate attività di vario tipo con lavoratori a nero, senza alcuna forma di tutela assistenziale e previdenziale.

In dettaglio, fra gli altri casi, a San Giovanni a Teduccio è stata scoperta un'azienda per la creazione di borse senza autorizzazione sanitaria e con 4 lavoratori a nero. E' stato adottato il divieto d'uso dei locali.

A Giugliano in Campania sono stati denunciati un geometra e un operaio già noti alle forze dell'ordine, direttore dei lavori e impiegato di una ditta appaltatrice di lavori presso uno store in allestimento in un centro commerciale. I 2 sono responsabili di aver realizzato una discarica abusiva a cielo aperto sversandovi i rifiuti provenienti dai lavori.

Tre cittadini di Villaricca avevano allestito 3 attività di carrozzeria e di elettrauto in immobili abusivi, il tutto senza alcuna autorizzazione per lo scarico dei rifiuti reflui, per l'emissione in atmosfera e per lo smaltimento dei rifiuti. Le attività sono state sequestrate.

Due cittadini di Villaricca sono ritenuti responsabili di abusivismo edilizio e scarico abusivo in fogna in qualità di gestori di un parcheggio/lavaggio. Un'area di 1500 mq era stata adibita abusivamente a parcheggio con la realizzazione di immobili abusivi inerenti l'attività e con lo sversamento illegale delle acque reflue direttamente nella rete fognaria pubblica.

A Qualiano un calzaturificio era stato avviato abusivamente in un seminterrato. Le acque reflue andavano direttamente nelle fogne. Sono state riscontrate anche emissioni in atmosfera pericolose e nel seminterrato sono stati trovati rifiuti di ogni genere. A San Giuseppe Vesuviano, denunciato è stato denunciato il titolare di un'officina per la lavorazione di metalli sprovvisto di formulario per lo smaltimento dei rifiuti e dell'autorizzazione a immettere i fumi in atmosfera.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Milano, pietra d'inciampo danneggiata da vandali

Shoah, sfregiata pietra d'inciampo a Milano. Sala: "Non ci piegheremo"

Deturpata con un oggetto metallico la targa dedicata a Angelo Fiocchi

Udienza per Fabrizio Corona su sequestro soldi e casa

Corona, pm ai giudici: "Ridategli 1,8 milioni, ma non la casa"

L'avvocato dell'ex re dei paparazzi: "Si è comportato da sciamannato ma non è un delinquente"

Pericolo valanghe in Alta Val Venosta: evacuato un hotel

Situazione critica nella provincia di Bolzano, allerta di grado 5