Mercoledì 14 Dicembre 2016 - 09:45

Napoli, De Luca indagato per istigazione a voto di scambio

L'esortazione del governatore ai sindaci: "Segnalate i voti raccolti per il sì" al referendum

Napoli, De Luca nel mirino: procura indaga per istigazione a voto di scambio

La Procura di Napoli starebbe indagando per voto di scambio in merito alle parole dette dal governatore Vincenzo De Luca a oltre trecento sindaci e amministratori campani. Lo riporta 'Il Mattino' sottolineando che a finire nel mirino dei pm sono stati l'invito "a non fare i fessi", ma anche "a mandare i fax con i numeri dei voti per il sì" dai rispettivi municipi, l'appello a rimanere uniti, di fronte a un governo con il quale c'è un'interlocuzione vantaggiosa, per la quale saranno investiti milioni in Campania e ancora l'esortazione "ad andare porta a porta e a segnalare i voti raccolti per il sì" in vista del quattro dicembre, il giorno del referendum costituzionale.

All'inizio era stato aperto un fascicolo senza ipotesi di reato ma nel corso degli accertamenti e delle testimonianze raccolte si è deciso di procedere per istigazione al voto di scambio.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Matteo Renzi ospite a Porta a Porta

Pd, Renzi 'indisponibile' a confronto con Di Maio. Gentiloni e Zingaretti attesi a Ravenna

La festa dell'Unità si terrà in Emilia dal 24 agosto al 10 settembre. È già polemica sull'invito al vicepremier pentastellato

Governo, festa M5s. Grillo suona la campanella

Beppe Grillo compie 70 anni. M5S lo omaggia: "Paziente 0 che ha diffuso virus"

Il fondatore del blog scherza su Twitter: "Vi aspetto su Marte per il Movimento 6 Stelle! Siamo oltre!"

Audizione di Tito Boeri in Commissione Lavoro e Finanze congiunte

Dl dignità, M5s contro Boeri: "Non è un tecnico ma un politico, si dimetta"

Nel frattempo continua il pressing dei partiti per modificare il decreto Dignità, e filtra l'idea di un'intesa M5S-Lega per introdurre le norme attraverso un apposito periodo transitorio

Al via il terzo giro di consultazioni al Quirinale per la formazione del nuovo governo

Pd, Grasso condannato a pagare oltre 83mila euro: "Pronto a ricorso"

Si tratterebbe della somma delle quote mensili di 1.500 euro che ogni eletto si impegna a versare al partito