Domenica 29 Ottobre 2017 - 17:00

Napoli cala altro tris: 3-1 al Sassuolo e primato solitario

Bastano tre gol al Napoli per aver ragione del Sassuolo

Napoli - Sassuolo

Prosegue la regola del tre: Allan, Callejon e Mertens. Bastano tre gol al Napoli per aver ragione del Sassuolo, per un 3-1 che vale tre punti e vittoria, un risultato che riporta gli azzurri al primo posto solitario in classifica a quota 31 punti, a +3 su Juventus e Lazio e a +5 sull'Inter (con i nerazzurri che hanno però una partita in meno).

PERICOLO SENSI - Napoli che alza subito il proprio baricentro e già al minuto 2 prova a pungere i neroverdi con Marek Hamsik, ma la sua girata da fuori area non impensierisce Consigli; la prima fiammata del Sassuolo arriva al 12' con una gran punizione dal limite di Sensi che si stampa sulla traversa con Reina battuto. Il legno colpito sembra svegliare la squadra ospite, che attacca con più convinzione e sfiora di nuovo il vantaggio prima con un rasoterra di Politano deviato in corner, e poi ancora con Stefano Sensi, pericoloso proprio dal calcio d'angolo seguente.

BOTTA E RISPOSTA - Dopo un periodo di sofferenza al 23' la squadra di casa sblocca il risultato: brutto errore di Sensi, finora il migliore dei suoi, che regala palla ad Allan che a tu per tu con Consigli non sbaglia per il vantaggio degli azzurri. Passano pochi minuti e il Napoli sfiora subito il raddoppio con un gran destro di Ghoulam dal limite dell'area che colpisce il palo alla destra di Consigli. Quando la partita sembra in assoluto controllo al minuto 41' arriva la doccia fredda con il pari del Sassuolo, con un bel colpo di testa di Falcinelli su cross di Politano per l'1-1. Ma il pari dura pochissimo, visto che pochi minuti dopo è Callejon a riportare in vantaggio il Napoli direttamente da calcio d'angolo, con palla che sfiora le mani di Consigli e finisce in porta per il 2-1 con cui si chiude la prima frazione.

SEMPRE DRIES - Nel secondo tempo la squadra di Sarri, forte del risultato, abbassa i ritmi della gara, chiudendo bene gli spazi al Sassuolo per poi innescare il suo trio offensivo con passaggi veloci tra le linee. E infatti al minuto 54 è proprio Dries Mertens a siglare il gol del 3-1 con un il più facile dei tap-in sotto porta, dopo l'assist di testa di Albiol. Poi al minuto 64 succede di tutto: prima l'arbitro Pairetto concede un rigore al Sassuolo per fallo di Chiriches, poi il Var cambia la decisione perché il fallo era iniziato fuori dall'area di rigore; sulla punizione seguente si innesca un batti e ribatti in area, la palla arriva a Cassata che di testa colpisce un altro palo che salva il Napoli, con palla poi liberata dalla difesa azzurra.

MINI FUGA - Nell'ultimo quarto d'ora di gara il Napoli si limita ad amministrare il risultato, andando anche vicina al 4-1 prima con il neo entrato Zielinski che all'86' colpisce un clamoroso doppio palo, e poi con Mertens con un tiro di poco a lato; sul finale solita girandola delle sostituzioni, con Sarri che risparmia minuti preziosi ad Hamsik, Insigne e Callejon in vista della delicata sfida di mercoledì al Manchester City e partita che si chiude così sul risultato di 3-1, con il fischio finale che scatena l'urlo dei 50mila del San Paolo, in festa per la vittoria odierna e per il primo posto riconquistato. 

LE PAGELLE

Scritto da 
  • Vincenzo Guarcello
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Benevento vs Napoli - Serie A Tim 2017/2018

Napoli, polemica sui lavori al San Paolo: niente abbonamenti

La società non farà la campagna per il 2018/2019. Gli spalti dello stadio saranno inagibili a periodi per i lavori di manutenzione dovuti alle Universiadi del 2019

Foto tratta dal profilo Instagram di Malcuit

Alla scoperta di Kevin Malcuit: la nuova freccia del Napoli

Scelto il nuovo terzino destro: francese classe '91, è stato acquistato dal Lille per poco più di 12 milioni di euro

Albiol carica il Napoli: "Pronti per la nuova stagione, Ancelotti un vincente"

E su Fabian Ruiz: "Con lui la squadra guadagnerà tantissimo"

Genoa vs Spal

Il Napoli piazza un tris di acquisti: ecco Fabian Ruiz, Meret e Karnezis

Ora si lavorerà sul fronte cessione, per sfoltire l'organico e dare ad Ancelotti una rosa compatta e non eccessivamente lunga