Mercoledì 25 Maggio 2016 - 09:00

Napoli, 250mila tonnellate rifiuti smaltite illecitamente

Coinvolti imprenditori e professionisti. Diversi arresti

Napoli, 250mila tonnellate rifiuti smaltite illecitamente: 39 indagati

Smaltiti illecitamente nella cava San Severino e nella cava Neos di Giugliano in Campania oltre 250mila tonnellate di rifiuti. I militari del comando carabinieri per la Tutela dell'Ambiente e della polizia metropolitana di Napoli, in collaborazione con i militari del comando provinciale carabinieri di Napoli, stanno dando esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica, nell'ambito di una indagine che ha evidenziato nel territorio di Giugliano in Campania, di Quarto e di altre aree limitrofe di un consolidato sistema dedito al traffico illecito di rifiuti.

Gli indagati sono complessivamente 39: tra di loro imprenditori e professionisti, accusati di traffico illecito di rifiuti attraverso falsi documenti di trasporto e falsi certificati di analisi, ottenendo cosi' un "ingiusto profitto" di diversi milioni di euro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Qualiano, figlio uccide la madre e si barrica in casa

Napoli, catturato dopo ore dai carabinieri: aveva ucciso la madre e si era barricato in casa

Dramma familiare a Qualiano. Il 37enne, con problemi psichici, ha aperto il fuoco contro la donna

Pompei: i nuovi scavi della Regia V

Via alle analisi per stabilire età e attività del bimbo di Pompei

Si svolgeranno nel centro di Ricerche del Parco archeologico. Dallo scheletro, pressoché perfetto, indicazioni sulla vita nella città distrutta dall'eruzione

Manifestazione "no al debito ingiusto" a Napoli

Sottomarino Usa usato in Siria era a Napoli. De Magistris: "Mai più"

Il sindaco: "La nostra è una città denuclearizzata"

Continuano le operazioni di spegnimento dell'incendio all'azienda Rykem di San Donato

Napoli, picchia la compagna incinta: lei perde il bambino

Il 44enne è accusato di maltrattamenti in famiglia e procurato aborto