Mercoledì 25 Maggio 2016 - 09:00

Napoli, 250mila tonnellate rifiuti smaltite illecitamente

Coinvolti imprenditori e professionisti. Diversi arresti

Napoli, 250mila tonnellate rifiuti smaltite illecitamente: 39 indagati

Smaltiti illecitamente nella cava San Severino e nella cava Neos di Giugliano in Campania oltre 250mila tonnellate di rifiuti. I militari del comando carabinieri per la Tutela dell'Ambiente e della polizia metropolitana di Napoli, in collaborazione con i militari del comando provinciale carabinieri di Napoli, stanno dando esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica, nell'ambito di una indagine che ha evidenziato nel territorio di Giugliano in Campania, di Quarto e di altre aree limitrofe di un consolidato sistema dedito al traffico illecito di rifiuti.

Gli indagati sono complessivamente 39: tra di loro imprenditori e professionisti, accusati di traffico illecito di rifiuti attraverso falsi documenti di trasporto e falsi certificati di analisi, ottenendo cosi' un "ingiusto profitto" di diversi milioni di euro.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Il Presidente della Repubblica in visita a Caserta

Reggia Caserta: crolla intonaco del '700 nella 'stanza delle dame'

L'i9ncidente avvenuto nella notte: nessun ferito. Percorso modificato per i visitatori

Napoli, duro colpo al clan Lo Russo: 43 persone arrestate

Blitz contro il traffico di droga. Sequestrato anche l'arsenale del gruppo criminale

Scampia, gli ultimi giorni delle Vele tra degrado, amianto e speranza

Una storia tormentata: un progetto di architettura sociale fallito per tanti motivi. La malavita, lo sgombero e, ora, le occupazioni abusive. Il rischio ambientale e il progetto per abbatterle. Una (su sette) resterà in piedi per ospitare l'Università

Napoli, appalti truccati al Cardarelli: nuovo arresto per Alfredo Romeo

Ai domiciliari anche il manager dell'ospedale partenopeo Ciro Verdoliva