Mercoledì 24 Maggio 2017 - 15:30

Riccardo Muti e Currentzis alla nuova stagione del Lingotto

Al via il 30 ottobre con 9 concerti ad Auditorium 'Giovanni Agnelli'

Riccardo Muti e Currentzis alla nuova stagione del Lingotto

 La nuova stagione dei Concerti del Lingotto porterà nell'auditorium torinese Teodor Currentzis e Riccardo Muti. A presentare la programmazione 2017-2018 sono stati il Presidente Lodovico Passerin d'Entrèves e il Direttore Artistico Francesca Gentile Camerana. La prossima stagione concertistica articolerà in nove appuntamenti presso l'Auditorium 'Giovanni Agnelli' di Torino (Via Nizza 280) con inizio alle 20.30. Si inaugura lunedì 30 ottobre 2017 con Teodor Currentzis e la formazione da lui fondata MusicAeterna. E si chiude mercoledì 30 maggio 2018 con l'atteso esordio nelle stagioni di Lingotto Musica di Riccardo Muti e dell'Orchestra Giovanile Luigi Cherubini. Otto grandi formazioni, sette direttori di fama internazionale e numerosi solisti per una nuova stagione di concerti che spazia da Bach a Ligeti, attraversando il classicismo viennese con grande attenzione al vasto repertorio del Novecento sinfonico russo.

A caratterizzare la stagione i ritorni di Valery Gergiev con la Mariinskij Orchestra e un programma dedicato a Rachmaninov, Antonio Pappano con la Chamber Orchestra of Europe con musiche di Brahms e Vladimir Jurowski con la London Philharmonic Orchestra alle prese con Sibelius e Stravinskij. Tornano inoltre al Lingotto Pinchas Zukerman solista e direttore sul podio della Camerata Salzburg per una serata dedicata al classicismo viennese e la WDR Sinfonieorchester Köln guidata dal Jukka-Pekka Saraste, senza dimenticare il recital solistico, evento inusuale nelle stagioni di Lingotto Musica, del pianista norvegese Leif Ove Andsnes. Il cartellone si completa con l'Oratorio di Natale di Bach, in programma il 19 dicembre 2017, eseguito da Le Concert Lorrain diretto da Christoph Prégardien. Otto appuntamenti vedono inoltre la partecipazione di eccellenti solisti e cantanti del panorama internazionale: oltre ai già citati Pinchas Zukerkman e Leif Ove Adnsnes, sono ospiti per il violino Lisa Batiashvili, Ray Chen e Arabella Steinbacher, mentre il pianoforte è rappresentato da Alexander Melnikov e Varvara Nepomnyashchaya, senza dimenticare il cast vocale dell'Oratorio bachiano costituito da Joanne Lunn, Margot Oitzinger, Markus Schäfer e Peter Kooij.

La campagna abbonamenti avrà il là il 5 giugno per i rinnovi e il 3 luglio per le nuove adesioni e si protrae fino al 14 ottobre.

Come in passato la stagione vede inoltre Lingotto Musica impegnata sul fronte della formazione del pubblico e della divulgazione con 2 conferenze introduttive ai concerti tenute da Giorgio Pestelli e Paolo Gallarati. E un atteso incontro con Antonio Pappano e Susanna Franchi che insieme presenteranno il concerto del 18 maggio 2018.

Parallelamente a I Concerti del Lingotto prosegue Lingotto Giovani, la rassegna cameristica composta da sei concerti dedicati ai migliori talenti emersi nei concorsi internazionali, all'interno della quale quest'anno svetta il recital del clavicembalista francese, Jean Rondeau, interprete delle Variazioni Goldberg di Bach. Grazie al rinnovato accordo con l'Università di Torino tutti i concerti saranno preceduti da una guida all'ascolto.

Per la prima volta infine Lingotto Musica intraprende un'iniziativa sperimentale finalizzata al coinvolgimento del pubblico  tra i 14 e i 26 anni, con un concorso a premi di critica musicale intitolato 'Scrivere di musica dal vivo'.

 

Scritto da 
  • Laura Carcano
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Vogue Party a Parigi

Molestie, modelli accusano il fotografo Testino. Vogue: "Stop collaborazioni"

Dopo il caso Weinstein, lo scandolo coinvole ora il mondo della moda. Nel mirino anche il collega Bruce Weber

Milano, ultimi preparativi per la Prima della Scala

Scala, oggi la prima con il ritorno dell'Andrea Chénier e Anna Netrebko

La protagonista è Anna Netrebko, considerata da molti una nuova Callas

Attesa a Napoli per la pizza patrimonio immateriale dell'Unesco

Unesco, l'arte della pizza diventa patrimonio dell'umanità

Un riconoscimento a lungo atteso, che premia i pizzaiuoli, il loro lavoro, la loro identità