Domenica 15 Gennaio 2017 - 12:15

Muro Chelsea: no alle offerte cinesi per Diego Costa

Per il giocatore il Tianjin Quanjian ha messo sul piatto 30 milioni di euro a stagione

Muro Chelsea: no alle offerte cinesi per Diego Costa

Il Chelsea continua a fare muro: Diego Costa è incedibile e non andrà in Cina almeno fino al termine della stagione. E' il patron Roman Abramovich in persona a non voler privarsi del centravanti spagnolo, assente contro il Leicester per infortunio e reduce da un diverbio avuto con il tecnico Antonio Conte. Il super manager di Costa, Jorge Mendes, ha portato sul tavolo una mega offerta da 30 milioni di euro a stagione da parte del Tianjin Quanjian.

"E' determinato a non cedere", ha detto una fonte vicina ad Abramovich al Daily Mirror. Il magnate russo è convinto che se il Chelsea dovesse cedere Diego Costa, a quel punto tutti i club della Premier diventerebbero vulnerabili dinanzi agli attacchi cinesi. Al momento, pertanto, Costa non si muove da Londra anche se già circolano i nomi di Alvaro Morata e Andrea Belotti come possibili alternative.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Ronaldinho File Photo

Si ritira Ronaldinho, Pallone d'oro del 2005. Tre stagioni nel Milan

Il brasiliano, 37 anni, da quasi due non gioca partite ufficiali pur essendo tesserato del Fluminense. Ha giocato nel Psg e nel Barca

Real Madrid vs Villareal - La Liga spagnola

Ronaldo e il futuro (incerto): l'agente pronto a negoziare l'addio al Real

Secondo i media portoghesi, in casa Blancos si starebbero esaminando le varie proposte per trattare sulla partenza del fuoriclasse

Liverpool v Manchester City - Premier League

Premier League, pioggia di gol e spettacolo: il Liverpool supera il City 4-3

Dopo 23 giornate cade l'imbattibilità della squadra di Guardiola, capolista in campionato con 62 punti. I Reds salgono a 47

"Guarda come i cioccolatini si fondono al sole": è bufera sullo Spartak Mosca

Il commento razzista in un video pubblicato su Twitter. Il club si difende: "Era uno scherzo"