Martedì 12 Giugno 2018 - 10:45

Muore annegata la figlia del campione di sci Bode Miller

La bimba del campione di sci è caduta nella piscina di un vicino di casa durante una festa a Cota de Caza (Los Angeles). Il dolore dei genitori

USA, FIS Weltcup Ski Alpin, Beaver Creek

Ermeline Gier, la figlia di 19 mesi del campione di sci Bode Miller, è annegata a Cota de Caza, località a sud di Los Angeles. La bambina è caduta nella piscina della casa del di un vicino del campione statunitense dove si stava tenendo una festa. Come ha raccontato il capo dei vigili del fuoco, Tony Bommarito, qualsiasi tentativo di rianimarla è stato inutile. "Siamo più che devastati, la nostra bimba Emmy è morta. Non avrei mai pensato di poter provare un dolore simile", ha scritto Miller, 40 anni, su Instagram. La moglie, Morgan Beck, campionessa di beach volley, è in attesa di un altro figlio. La coppia ha un altro maschietto di tre anni. Miller aveva da poco dato l'addio alle piste al termine di una carriera impressionante, con sei medaglie olimpiche e quattro ori mondiali.

Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

HUNGARY-EUROPE-MIGRANTS-EU-VISEGRAD-V4

Migranti, Visegrad-Austria: "Rafforzare frontiere Ue". Ma distanza su quote

I quattro Pae4si boicotteranno il mini-summit di domenica in vista del Consiglio europeo del 28-29 giugno

Trump presenzia a un evento in onore delle madri e spose soldato

Bimbi migranti separati dalle famiglie, Melania Trump al confine tra Messico e Usa

La First Lady è andata a vedere in prima persona una struttura che ospita circa 60 bambini di Honduras ed El Salvador

Gala omaggio della AFI al 46esimo premio alla vita di George Clooney

Migranti, da George e Amal Clooney 100mila dollari per i bimbi separati dalle famiglie

Sempre più celebrità si schierano contro la politica della 'tolleranza zero' di Trump

Messico-Usa, la "Viacrucis Migrante"

Migranti, Trump: "Firmato decreto per tenere famiglie unite"

La decisione dopo le polemiche sui bimbi separati dai genitori fermati per essere entrati illegalmente negli Stati Uniti