Mercoledì 17 Maggio 2017 - 09:15

Msf attacca: Su di noi polemiche inaccettabili e notizie ridicole

"Siamo orgogliosi di aver salvato 60mila persone e di averle curate"

Msf attacca: Su di noi polemiche inaccettabili e notizie ridicole

"Abbiamo curato ferite e siamo orgogliosi di aver salvato 60mila persone e di averle curate". Inizia così la sua audizione Gabriele Eminente, direttore generale di Medici Senza Frontiere Italia davanti alla Commissione parlamentare di inchiesta sul sistema di accoglienza e di identificazione ed espulsione, nonché sulle condizioni di trattenimento dei migranti e sulle risorse pubbliche impegnate. "Noi siamo sereni - prosegue - ma non sono serene le persone che sono intorno a noi. Non lo sono i nostri beneficiari".

"Ci preoccupa l'escalation del clima ostile intorno a noi. Avevamo un riconoscimento istituzionale e espressioni di vicinanza. Oggi ci troviamo in una situazione opposta. Ci chiediamo quando una nostra nave si trovi a fronteggiare una situazione ostile. Questo è il risultato di polemiche mediatiche inaccettabili. Siamo stati oggetto di notizie false e ridicole", aggiunge Eminente.

 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

Quattro letti e gamberetti a pranzo: il gatto Gerry eredita 30mila euro

Il felino è stato citato nel testamento della sua anziana padrona. Ora i familiari della donna dovranno provvedere al "mantenimentodel suo benessere"

Vento fino a 200 km/h: due morti e due feriti, disagi in tutta Italia

Sono stati 1226 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi sradicati. Difficili i collegamenti con le isole minori della Toscana

Napoli, processo Silvio Berlusconi  per corruzione

Caso Consip, archiviate indagini su Woodcock e Sciarelli

Il pm era indagato per falso e, insieme alla giornalista, per rivelazione del segreto d'ufficio. Continuano le indagini su altre 12 persone

Sentenza processo Emilio Fede

Avvocatessa col velo cacciata dall'aula del Tar di Bologna

Aveva il volto scoperto. Le è stato impedito di seguire il processo. Origini marocchine, da 25 anni in Italia dove si è laureata: "Non mi era mai successo"