Giovedì 09 Marzo 2017 - 21:00

Mps, dal cda il via libera alla proposta di ristrutturazione

E' stata Approvata la proposta preliminare del piano

Mps, dal cda il via libera alla proposta di ristrutturazione

Il cda di Mps ha approvato la proposta preliminare del piano di ristrutturazione e l'ha inviato "alle Autorità Competenti per avviare il confronto volto alla finalizzazione del piano stesso e alla sua approvazione da parte delle Autorità". Lo si legge in una nota di Rocca Salimbeni.

Mps ha chiuso il 2016 con una perdita netta di 3,241 miliardi di euro, a fronte dei 3,38 miliardi comunicati in via preliminare lo scorso 9 febbraio.  Il cda ha riesaminato in conti apportando modifiche ad alcune voci di bilancio. Il patrimonio risulta quindi incrementato per circa 139 milioni di euro. Il Cet1 risulta in aumento di 98 milioni di euro rispetto al 9 febbraio, ed è pari a 5,353 miliardi di euro, mentre il Cet 1 ratio su base transitional è all'8,17%, in aumento di 15 punti base rispetto al dato preliminare, e il Total Capital ratio si attesta al 10,40%, a sua volta in crescita di 15 punti base rispetto a febbraio.
 

Scritto da 
  • redazione web
Tags 
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Colombo (Aime): "Con tasse Onu a rischio 41 miliardi export Made in Italy"

Parla il presidente di Aime agroalimentare sulla possibile scelta di Onu e Oms di tassare cibo considerato non sano proveniente dall'Ue

Il salone della tecnologia VivaTech 2018 a Parigi

Google, ecco le 5 maxi-multe antitrust Ue: tutte ai 'big' tech

Tra questi, c'è Qualcomm per 997 milioni di euro: il gigante dei chip sanzionato per aver pagato Apple a usare i propri processori in esclusiva su iPhone e iPad

SYMBOLBILD, Suchmaschinen

Maxi multa per Google dall'Ue: dovrà pagare 4,3 miliardi per Android

Bruxelles intende punire il colosso del web americano per aver abusato della posizione dominante del suo sistema operativo per smartphone

Senato. Commissione Finanze e Tesoro, audizione del Ministro Tria

Tria: "Reddito cittadinanza sarà trasformazione di altri strumenti di welfare"

Il ministro dell'Economia prudente sui tempi di attuazione delle riforme del contratto di governo