Giovedì 14 Gennaio 2016 - 14:30

Mps, chiuse indagini su operazioni per acquistare Antonveneta

Tra gli indagati figurano gli ex vertici dell'istituto di credito toscano

Chiuse le indagini milanesi sull'acquisto di Antonveneta da parte di Mps

La procura di Milano ha chiuso le indagini su 13 persone fisiche e tre società, per in relazione le operazioni finanziarie portate avanti da Mps per acquisire Banca Antonveneta nel 2008. Tra le operazioni finite nel mirino dei pm Milanesi ci sono i derivati Alexandria, Santorini e Fresh. Tra gli indagati figurano gli ex vertici dell'istituto di credito toscano e la stessa banca, indagata per aver violato la Legge 231 del 2001.

 

Nel mirino del procuratore aggiunto Francesco Greco e i pm Mauro Clerici, Giordano Baggio e Giuseppe Civardi sono finite le operazioni che nel 2008 avevano portato al banca senese ad acquistare Antonveneta dal gruppo Santander per 9,3 milioni di euro. Solo tre mesi prima il gruppo spagnolo aveva a sua volta comprato al banca per circa 3 milioni di euro in meno. L'acquisto di Antonveneta, per i magistrati milanesi, sarebbe stato finanziato in particolare dal bond 'Fresh', uno strumento finanziario complesso che conisteva nel lancio di obbligazioni convertibili in azioni ordinarie Mps, sottoscritte al 49% dalla Fondazione Mps e per la parte restante da altri investitori istituzionali. A seguire il collocamento sono state, tra le altre, JPMorgan, Goldman Sachs e Mediobanca.

 

Sotto la lente dei magistrati è finito anche il derivato Santorini, sottoscritto con Deutsche Bank, che - stando all'accusa - avrebbe permesso di occultare perdite per oltre 360 milioni. La procura di Milano indagava già da mesi anche sul derivato Alexandria, emesso dalla banca Nomura.

 

Sono 13 in tutto le persone finite sotto indagine a Milano oltre alle tre banche - Deutsche Bank e la giapponese Nomura e la stessa Mps - che sono state iscritte per aver violato la legge 231 sulla responsabilità amministrativa di società per reati commessi dai loro dirigenti.

 

Tra gli indagati ci sono cinque ex manager di Mps, tra cui l'ex presidente Giuseppe Mussari, l'ex dg Antonio Vigni e l'ex responsabile area finanza Gianluca Baldassarri. Indagati anche sei dirigenti di Deutsche Bank e due di Nomura. I reati ipotizzati a vario titolo sono falso in bilancio, aggiotaggio, ostacolo all'autorità di vigilanza di Consob e Bankitalia e falso in prospetto.

Scritto da 
  • redazione web
Accedi per lasciare commenti

Ti potrebbe interessare anche

Genova, crolla parte di un ponte sull'A10: Vigili del Fuoco a lavoro senza sosta

Genova, lettera Mit ad Autostrade: "Contestato gravissimo inadempimento"

Nel testo si comunica l'avvio delle procedure per la revoca delle concessione dopo il "disastro" del ponte Morandi

Salute, Ospedale Molinette: scoperto segreto del sonno e come dormire meglio

Ecco come riposare di più regolando ed abbassando la temperatura del corpo mediante un composto innovativo incorporato nel materasso

'Ndrangheta: arrestato il capo cosca Abbruzzese, considerato ricercato pericoloso

L'operazione della polizia all'alba. Al momento della cattura aveva 2 pistole, munizioni e un documento falso. Salvini: "Cacceremo i mafiosi"