Mercoledì 19 Ottobre 2016 - 11:45

MotoGp, Valentino Rossi: Questa è la nostra peggior stagione

"A Motegi abbiamo dimostrato di essere forti, a Phillip Island cercheremo di andare veloce"

MotoGp, Rossi: È la nostra peggior stagione

Anche se non è ancora finita, Valentino Rossi non ha dubbi: quella attuale è sulla carta la "peggior" stagione per la Yahama. In vista del Gran Premio di Phillip Island, in Australia, e con discorso titolo mondiale archiviato con la vittoria di Marc Marquez, il campione di Tavullia commenta: "Abbiamo già provato lì con le Michelin, ma sfortunatamente torniamo dopo una stagione molto brutta, sulla carta la nostra peggiore". "L'aspetto negativo è che a Motegi abbiamo ottenuto zero punti, ma la cosa buona è cha abbiamo dimostrato di essere forti", ha proseguito il 'Dottore', caduto nell'ultima gara, proprio il Gran Premio del Giappone che ha assegnato il titolo a Marquez. "Phillip Island - prosegue - è una pista fantastica e un posto che mi piace molto. Dobbiamo cercare di andare veloci anche lì. Speriamo che le condizioni meteo non siano troppo brutte, perché se fa freddo può diventare pericoloso. Speriamo nel bel tempo e vedremo".

Scritto da 
  • redazione web
Accedi o registrati per inserire commenti.

Ti potrebbe interessare anche

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

MotoGp, Dovizioso trionfa in Austria davanti a Marquez

Terzo Dani Pedrosa sull'altra Honda. Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

MotoGp, Marquez in pole in Austria davanti alle Ducati, Rossi settimo

Meglio del 'Dottore' ha fatto con l'altra Yamaha Maverick Vinales, quarto a mezzo secondo da Lorenzo

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere: Rossi risale al quinto posto

MotoGp in Austria, Marquez leader nelle terze libere

Terzo a sorpresa Andrea Iannone a 484 millesimi dallo spagnolo

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

MotoGp, Rossi: Siamo stati sfortunati e un po' somari

Quarto al traguardo: "Sono contento, stavolta la responsabilità non è tutta mia, ce la dividiamo..."